UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO
Notizie dal mondo, soprattutto da fonti internazionali, che il mainstream non riporta.

Translate

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

venerdì 27 febbraio 2015

La Russia all'Ue: stracciate il TTIP e unitevi all'Unione Eurasiatica

La sorprendente proposta della Russia all'Ue: stracciate il TTIP e unitevi all'Unione Eurasiatica


Deciderà l'Europa di averne avuto abbastanza dell'eutanasia economica imposta dalle sanzioni a Mosca volute dagli Usa?


Appare sempre più evidente come le sanzioni decise dall'UE e dagli Usa alla Russia in seguito alla crisi ucraina e più in generale il blocco finanziario contro Mosca abbiano prodotto le sue conseguenze più nefaste contro i paesi membri dell'Ue. La Germania è stata la prima ad ammetterlo alla fine del 2014 con la sua economia ormai sull'orlo della recessione. 
Ma si tratta di una considerazione ormai di uso comune all'interno dell'Ue. L'ex primo ministro italiano Romano Prodi, ad esempio, ha scritto sul Messaggero che un'economia russa debole non è desiderabile e profittevole per l'Italia. Secondo Prodi le sanzioni alla Russia per la crisi ucraina e l'abbassamento dei prezzi del petrolio e del gas faranno crollare il Pil russo del 5% annuo, determinando, a sua volta, un crollo delle esportazioni italiane del 50% nel paese.
In altre parole, scrive Zero Hedge, il mondo sta iniziando ad avvicinarsi ad un periocoloso punto di rottura: non è tanto l'esposizione finanziaria alla Russia, o la minaccia di un contagio finanziario che Mosca potrebbe soffrire. Ma, peggio, è una questione molto più semplice che condurrà ad un'atroce sofferenza per i paesi europei: la mancanza di commercio con un partner strategico fondamentale in una fase di crisi già drammatica. Mentre le Banche centrali possono continuare a monetizzare e ritardare il punto di rottura, creando bolle azionarie senza precedenti per gonfiare la fiducia di investitori e consumatori nel breve periodo, non possono “stampare commercio”, che resta il più importante veicolo di crescita nel sistema globalizzato attuale.
n questo contesto un articolo della Deutsche Wirtschafts Nachrichten va controcorrente ma nella giusta direzione nello scrivere come la Russia ha una proposta “sorprendente” verso l'Europa che questa dovrebbe prendere in considerazione, vale a dire rinunciare all'area di libero mercato con l'Usa - che impone la perdita di commercio con la Russia e quindi l'ennesimo anno di crollo economico - e unirsi all'Unione economica euroasiatica.
Dall'articolo si legge: “La Russia ha presentato una proposta sorprendente per superare le tensioni con l'Unione Europea: l'Ue dovrebbe rinunciare all'accordo di area di libero scambio con gli Stati Uniti, il TTIP, ed entrare come partner nella nuova Unione Economica Euroasiatica. Un'area di libero scambio con i vicini che avrebbe sicuramente più senso che un accordo con gli Usa. Sicuramente lo avrebbe ma  poi come come potrà l'Europa fingere indignazione quando la NSA si trova ad aver spiato ancora una volta uno dei sui "partner commerciali più stretti?"
Vladimir Chizhov, l'ambasciatore russo presso l'Unione Europea, ad Euobserver ha dichiarato: “La nostra idea è quella di iniziare contatti ufficiali tra l'Ue e l'EAEU il prima possibile. La cancelliera tedesca Angela Merkel ha parlato di questo non tanto tempo fa. Le sanzioni dell'UE alla Russia non sono un ostacolo. Credo che il senso comune ci consigli di esplorare la possibilità di stabilire uno spazio comune economico nella regione euro-asiatica, incluso il focus nei paesi dell'Eastern Partnership [una politica Ue con legami più stretti con Armenia, Azerbaijan, Bielorussia, Georgia, Moldovae Ucraina]". E ancora: "Potremmo pensare ad una zona di area di libero scambio che inglobi tutte le parti interessate in Eurasia”.
Chizhov descrive la possibilità come un'opportunità molto migliore per i paesi dell'Unione Europea: “Pensate saggio spendere così tante energie politiche per un'area con gli Usa mentre avete partner naturali così vicini da casa?”, ha dichiarato l'ambasciatore.

Considerando che gli interessi delle corporazioni multinazionali e finanziarie che spingono verso il TTIP sono oggi dominanti attraverso le burocrazie non elette di Bruxelles, conclude Zero Hedge, la risposta è negativa. E considerando che sono Renzi, Gentiloni e Mogherini a dover rappresentare gli interessi strategici nazionali, dall'Italia non possiamo attenderci altro che cieco servilismo all'”alleato” americano.
E quindi la palla è oggi nelle mani dell'Europa: con la sua recessione che da triple-dip sta per divenire quadrupla e con l'unica risposta che resta una spinta monetaria da una Banca centrale controllata da Goldman Sachs finalizzata a distruggere ulteriormente la classe media a favore di pochi fortunati, deciderà l'Europa di averne avuta abbastanza e spostare i suoi obiettivi strategici e di commercio dall'occidente – parlando del TTIP, il ministro dell'agricoltura tedesco ha recentemente dichiarato: “Non possiamo proteggere ogni slasiccia” - verso oriente?
 
 
fonte: http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=6&pg=9966  


giovedì 26 febbraio 2015

Israele apre le dighe e allaga Gaza



‘Centinaia di Palestinesi  sono stati costretti  ad evacuare le loro case nella striscia di Gaza, causa una mossa del regime israeliano  di aprire i cancelli di molte dighe intorno all'area sotto assedio.

“L'esercito di [Israele] ha aperto le chiuse  di un canale che porta nel centro di Gaza, cosa che ha portato alla rimozione di cumuli di sabbia lungo il confine con Israele ,” cosi ha detto il Civil Defense Directorate (CDD) di Gaza, in una dichiarazione domenica u.s
“Aprire gli argini del canale, ha causato l'inondazione  di molte case palestinesi e abbiamo dovuto evacuare in fretta  i cittadini che sono stati colpiti da questo ” cosi prosegue la dichiarazione.’

 tutto l'articolo:
http://www.presstv.ir/Detail/2015/02/22/398732/Israel-opens-dams-gates-floods-Gaza

Sultano Abu Al-Einein a TV Libano: perchè Isis non ha sparato mai un colpo contro Israele?



Perchè gli "estremisti musulmani" di Isis,
attaccano stato musulmano dopo stato musulmano...

MA...non sparano mai un colpo contro Israele?
www.davidicke.com 




NBN TV Libano, 5 febbario 2015

Giornalista: Considera Isis degli Infedeli?
Sultano: NOn sono uno studioso, quindi mon posso accusare Isis di essere degli Infedeli,
ma respingo...


G: ...ma considera Isis essere una estensione dell'impresa sionista?
S:  considero la loro condotta come una estensione dell'impresa sionista. Veramenrte non capisco: se queste persone affermano che gli Israeliani son i nemici di Allah...In Quneitra, si trovano a 12 km dal confine del Golan occupato, ma non hanno sparato un colpo contro Israele nè ucciso un singolo Israeliano. Non una volta. I loro feriti hanno ricevuto trattamenti dagli Israeliani. Da dove arriva questa love story? Israele sostiene forse qualcuno di loro? Come? Perchè?

mercoledì 25 febbraio 2015

Kiev: portati via i risparmi ai rifugiati ebrei-ucraini provenienti da Donetsk...



‘Molti rifugiati ebrei in fuga dalla guerra civile che infuria nell'Ucraina Orientale, si sono trovati senza il becco di un quattrino dopo che i loro risparmi sono stati rubati da una banca in Kiev, cosi riportano i media locali.

Secondo il JewishNews.com.ua, un numero di Ebrei che ha lasciato la roccaforte separatistica di  Donetsk, per sfuggire alla violenza, ha subito furti di denaro  da una cassetta- deposito di sicurezza in una filiale della Alliance Bank, che apparteneva al membro della comunità Sergei Nuzbrokh, che teneva per loro il denaro.

Secondo una lettera presa dal sito ebreo-ucraino Pinchas Vishedski, il rabbino di Donetsk, ha accusato il Servizio di Sicurezza Ucraino, SBU, di aver rubato i fondi.’

fonte: http://www.jpost.com/Diaspora/Savings-of-Ukrainian-Jewish-refugees-from-Donetsk-stolen-in-Kiev-391913

Poroschenko vuole riprendersi la Crimea. Il PMinistro della Crimea pesantemente redarguisce



‘Il Presidente ucraino Petro Poroshenko lunedi scorso ha giurato di far "ritornare" la Crimea occupata alla Ucraina, alimentando cosi rimproveri da parte di utilizzatori di internet e anche successivamente dalle autorità della Crimea.

In un paio di tweets pubblicati dopo le 2 am lunedi mattina (u.s), Poroshenko ha affermato che “l'Ucraina riconquisterà il controllo della Crimea occupata,” facendo notare che questo “è inevitabile” e promettendo che “l'Ucraina non rinuncerà mai  ai suoi diritti di sovranità” verso la regione. Inoltre il Presidente ha affermato che l' Ucraina "proteggerà [i] diritti del suo popolo  con tutti i mezzi possibili” e che "insieme costruiremo una nuova Crimea".

Sul sito web della sua amministrazione, il presidente ha aggiunto che "il nostro governo non riconoscerà in alcuna circostanza il risultato di questo atto senza valore", referendosi al referendum del marzo 2014, in cui gli abitanti della Crimea votarono in grande numero per annettersi alla Russia.

Il Primo Minsitro della Crimea  Sergei Aksyonov ha rimproverato aspramente i commenti di Poroshenko affermando che il Presdente avrebbe dovuto affrontare il tribunale in Crimea.
"Lo processeremo qui e la Crimea no tornerà mai alla Ucraina, La crimea è tornata a casa, alal Russia e per sempre." ha fatto notare  Aksyonov

fonte: http://sputniknews.com/europe/20150223/1018638207.html

Wikileak Cables Poroshenko in Washington's Pocket 

Wikileaks: il Presidente ucraino Poroshenko, nelle tasche di Washington dal 2006


http://scgnews.com/the-ukraine-crisis-what-youre-not-being-told

 
Poroshenko minaccia legge marziale in Ucraina
...ma non è cio' che fanno i fascisti?
www.davidicke.com


vedi: http://www.strategic-culture.org/news/2015/02/23/ukraine-emergency-measures-to-build-totalitarian-state.html

martedì 24 febbraio 2015

Attacchi Gladio in Ucraina? Esplosioni ad una manifestaizone di pace a Kharkov

 

‘L'evento è identico a quelli che ebbero luogo sotto l'Operazione Gladio in Italia durante la Guerra Fredda. Operation Gladio era un gruppo NATO " stay-behind" (che stava "dietro", paramilitare") che cercare di impedire la diffusione del comunismo  sostenendo gruppi di destra radicale. Durante un evento di protesta di massa in nome del comunismo, la Gladio fomentava alcune forme di atrocità terroristica, come scoppi di bombe, per rompere la protesta e scoraggiare ogni ulteriore tentativo  di simili azioni.

Questa non è una teoria cospirazionistica, poichè lo storisco svizzero, il  Dr. Daniele Ganser con la sua vasta ricerca lo ha dimostrato nel suo libro NATO’s Secret Armies. (Gli eserciti segreti della NATO)

Ora con i militari ucraini che stanno fallento su tutti i fronti, insieme ad una totale mancanza di significativo sostegno da parte dell'Occidente, è comprensibile perchè Kiev starebbe cercando di rompere ogni forma di dissenso,  che potrebbe ulteriormente danneggiare la credibilità e la legittimità del suo governo golpista.

Perciò, che questi colpi siano una false flag nello stile Gladio, non è oltre il regno della possibilità"

>>> tutto l'articolo qui:
 http://21stcenturywire.com/2015/02/22/gladio-strikes-explosion-at-peace-rally-in-kharkov-ukraine/

da www.davidicke.com:


 
Gli USA "forse" forniscono armi all'Ucraina
"Gli USA stanno per fornirvi ufficialmente armi"
"Che significa mio Presidente?"

"Sai no tutte le armi che vi abbiamo dato?
"Già"

"Diremo alla gente che lo stiamo facendo".


Obama rivela la prova che la Russia è in Ucraina
"Semplicemente continuiamo a dirlo e facciamo
in modo che i nostri barboncini come Camerun
continuino a dirlo e quindi la gente crederà  a noi:
che altra prova volete?
"

lunedì 23 febbraio 2015

Avvocato Difensore richiede commissione globale su abusi sessuali su minori, compiuti da Ebrei

  Manny Waks testifies before the Royal Commission into Institutional Responses to Child Sexual Abuse. (photo credit: Courtesy Manny Waks)


Intimidazione, atti di bullismo, persecuzione , scomunica dalla comunità ebraica e commenti diffamatori  sui social media. Queste solo alcune delle tattiche usate sulla famiglia Waks, in cui 3 figli sono stati vittime e non esecutori di abuso sessuale infantile.

Nelle scorse due settimane in Autralia, la comunità ebraica è stata messa ko da cio' che si è sentito durante una udienza pubblica della Royal Commission into Institutional Responses to Child Sexual Abuse a Melbourne. 

Testimonianaza drammatica di vittime di abuso sessuale infantile, delle loro famiglie e di coloro che lavorarono per le istituizoni ebraiche che hanno coperto l'abuso .


Dal 2011, il sopravvissuto all'abuso Manny Waks ha capeggiato grandi sforzi per rompere l'ufficioso codice del silenzio che ha ppiegato e strozzato la sua ex comunità, la Chabad-affiliated Yeshivah Centre di Melbourne. Egli ha fondato ed è l'ex capo dello Tzedek, una organizzazione che lavoro con i sopravissuti agli abusi e ha come scopo quello di alzare la consapevolezza sul problema, all'interbo della comunità ebraica


Ora Waks chiedeuna inziativa globale ebraica che si occupi di abuso sessuale infantile,
e le varie coperture  attraverso tutta la Diaspora, Israele inclusa. Nel contesto di abuso sessuale infantile, non è insolito per gli esecutori, muoversio tra paesi per evotare le conseguenze delle loro azioni e/o per continuare a recarre danno con impunità,” ha detto  Waks .

‘Spero che le due settimane di orrore che abbiamo rivelato, possano venire ben usate per un esito positivo: il riconoscimento per le vittime e le loro famiglie e che possano essere una esperienza di apprendimento perchè i bambini vengano protetti, che è la nostra priorità", ha affermato Waks in una telefonata domenica u.s da Melbourne.

tutto l'articolo qui: http://www.timesofisrael.com/advocate-calls-for-global-jewish-child-abuse-commission/


 
il rabbino Meir Klugwant, il piu' anziano d'Australia, da le dimissionmi dopo la testimonianza schiacciante alla Royal Commission 

Il rabbino Meir Shlomo Kluwgant, ha dato le dimissioni da presidente della Organisation of Rabbis of Australasia (ORA) dopo una schiacciante sezione nelle testimonianze alla
royal commission, per abuso sessuale su minori.

Il rabbino Kluwgant ha testimoniato venerdi ed è stato costretto ad ammettere di aver mandato un sms ad un editore di quotidiano, chiamando il padre di una vittima abusata, un "pazzo" che ha trascurato i suoi figli.

Il messaggio si riferiva a Zephaniah Waks, padre del whistleblower  Manny Waks, della comunità Yeshivah .’
fonte: http://mobile.abc.net.au/news/2015-02-16/rabbi-resigns-as-head-of-rabbinical-organsiation/6119458



domenica 22 febbraio 2015

Presidente del Sudan: dietro ISIS e BOKO HARAM la CIA e il MOSSAD





“Penso che dietro queste organizzazioni (ISIS e Boko Haram) ci siano
la CIA e il MOSSAD“.

Questa è l’accusa gravissima che il Presidente del Sudan, Omar
al-Bashir, ha rivolto ai servizi segreti americani e israeliani.

Così, dai microfoni di Euronews, il Presidente del Sudan ha avuto il
coraggio di affermare ciò che molti sospettano già da tempo. La
dichiarazione è stata ripresa già da The Indipendent e sta facendo
molto scalpore.

Chiese: luoghi di preghiera e culto o... di transazioni bancomat?



Y=--


Nel santuario di Caravaggio (BG) le messe “ad personam” si possono pagare con il bancomat



Nel santuario di Caravaggio, in provincia di Bergamo, si parla del“bancomat della fede”. Si tratta di una modernissima apparecchiatura che consente ai fedeli di accendere candele o prenotare messe “ad personam”, pagando elettronicamente. L’iniziativa è stata realizzata dal rettore del santuario, Don Gino Assensi, che aveva già tentato di introdurre questa innovativa singolarità lo scorso novembre. Tutto ciò ha subito sollevato l’interesse dei media e lo scalpore dei fedeli. Per utilizzare i macchinari bisognava essere dotati di carta di credito e ciò metteva in difficoltà i numerosi anziani che frequentano il luogo di culto.



Bancomat ripristinati - Il rettore aveva allora deciso di rimuovere i due bancomat, promettendo però che prima o poi li avrebbe rimessi al loro posto. Detto fatto Don Gino Assensi qualche giorno fa, nella newsletter settimanale che viene pubblicata sul sito ufficiale del Santuario, ha annunciato che le apparecchiature erano tornate al loro posto.

 Ambedue le macchine consentono di prenotare messe (senza data 11 euro; con data 16 euro) e devolvere offerte al Santuario per le sue strutture o per opere di carità, pagando con bancomat, postepay e carte di credito. 

“La macchina collocata in basilica – prosegue la newsletter – funge anche da “candeliere elettronico“ destinato a chi intende accendere candele sul luogo, oppure collegandosi al sito del Santuario da qualsiasi computer, smartphone e tablet. Ovviamente tutto ciò nulla toglie a chi preferisce gestire il proprio rapporto con il Santuario nelle modalità consuete”.

sabato 21 febbraio 2015

Press TV: L'Italia considera la possibilità di intervento in Libia



INFO DA PRESS TV:

‘L'Italia dice di valutare la possibilità di intervento militare in Libia, dopo che è di recente stato rilasciato un video di decapitazione di massa da parte di Takfiri di ISIS (o  ISIL) nel paese nord-africano; il video ha mostrato che i militanti sono piu' vicini che mai alle coste italiane.
Il Presidente della Commissione della Difesa, del  Senato Italiano, Nicola Latorre, lunedi u.s ha detto che gli attuali sforzi diplomaticisaid a livello internazionale, per ristabilire la sicurezza in Libia, sono falliti, quindi l'Italia potrebbe valutare  “misure di contenimento”
Tuttavia, il legislatore italiano che ha parlato con Associated Press, ha escluso la possibilità che l'Italia possa coinvolgersi in una "guerra" ad ISIS  nel paese nord africano.

Anche il Primo Ministro italiano Matteo Renzi, lunedi ha detto  che il suo paese non si coinvolgerà mai in una guerra senza l'appoggio dell'ONU.
“La proposta è di attendere, cosicchè il  Consiglio dell'ONU possa lavorare un po' di piu' sulla Libia", ha detto Renzi ad una tv italiana privata.


fonte: http://www.presstv.ir/Detail/2015/02/16/397865/Italy-mulls-Libya-military-intervention

SUL TEMA,  da  www.davidicke.com:



Libia: abbiamo ucciso i tuoi figli, 
distrutto il tuo paese e scatenato indicibile violenza e tumulti
ORA, PUOI SEMPLICEMENTE ANDARE A VAFFA....

vedi: Britain should consider putting troops on ground in Libya, ex MI6 chief says

venerdì 20 febbraio 2015

KHAZARI- ARIANI e la Confraternita di Sion




index

Il sionismo è stato fondato dai Rothschild per conto della Confraternita e SION è un ramo del culto ariano-rettile del culto del Sole. Due sono le ragioni principali per cui esso è stato usato per assicurarsi il controllo della Palestina araba. Questa infatti è una terra sacra per gli Ariano-rettili fin dai tempi dei Leviti e del mondo antico. 

Inoltre, derubare sfacciatamente un paese arabo offriva infinite opportunità per alimentare il conflitto e la divisione in Medio Oriente e ciò si rivelò particolarmente efficace per la manipolazione dei paesi arabi produttori di petrolio.


Il momento cruciale nel piano dei Rothschild per la creazione di “Israele” fu la Dichiarazione di Balfour, quando il ministro degli Esteri britannico, Arthur (Lord) Balfour, annunciò, il 6 novembre 1917, che la Gran Bretagna appoggiava la rivendicazione di uno Stato ebraico in Palestina.


Anche la Confraternita di Pace di Versailles, dominata dai Rothschild, confermò il suo appoggio. Sorpresa, sorpresa! Ma cos’era questa Dichiarazione di Balfour? Non era indirizzata ai membri del Parlamento di Westminster. Era semplicemente una lettera inviata da Lord balfour (Comm 300), un membro del circolo ristretto della società segreta della Tavola Rotonda, a Lord Lionel Walter Rothschild (Comm 300), che finanziò la Tavola Rotonda! Era una lettera tra due membri della stessa società segreta.


Rothschild era un rappresentante della Federazione inglese dei sionisti che era stata messa in piedi con i soldi dei Rothschild. Da più parti si crede che la lettera di “Balfour” sia stata scritta da Lord Rothschild insieme a Alfred Milner (comm 300)= una colonna portante della Tavola rotonda che venne nominato presidente del colosso minerario Rio Tinto Zinc, dallo stesso Lord Rothschild.


La Rio Tinto ha molti contatti con il Sud Africa e tra gli azionisti di maggioranza figura la regina d’Inghilterra. Gli arabi della Palestina vennero usati per combattere i turchi durante la prima guerra mondiale sotto il comando dell’inglese T.E. Lawrance (Lawrance d’Arabia) che promise loro la piena sovranità in cambio dei loro sforzi.

Fin dall’inizio sapeva che il piano della Confraternita prevedeva la creazione di uno Stato “ebraico” (Khazaro-ariano) in Palestina. Fu Lawrance stesso, intimo amico di Winston Churchil, a confermarlo qualche tempo dopo, quando disse>:

“Azzardai la frode poiché ero convinto che l’aiuto degli arabi fosse necessario per una nostra vittoria, veloce e a buon mercato, in Oriente, e che fosse meglio vincere e non mantenere la parola data, piuttosto che perdere … L’ispirazione araba fu il nostro strumento principale per vincere la guerra d’Oriente. Così assicurai loro che l’Inghilterra avrebbe mantenuto la promessa nelle parole e nei fatti. Sorretti da ciò, essi compirono le loro belle imprese; ma ovviamente, invece di essere orgoglioso di ciò che facevamo insieme, provavo continua amarezza e vergogna.” 
Questo è stato per millenni il modus operandi ariano-rettile. Furono i Rothschild a finanziare i primi coloni “ebrei” in Palestina; furono i Rothschild che contribuirono e finanziarono Hitler e i nazisti  durante la seconda guerra mondiale e la conseguente disgustosa persecuzione di ebrei, zingari, comunisti e altri; furono i Rothschild ad usare la comprensibile solidarietà manifestata dopo la guerra nei confronti degli ebrei, che loro avevano spietatamente sfruttato, per esercitare pressioni a favore della conquista ebraica della Palestina araba; furono i Rothschild a finanziare i gruppi terroristici e spingerli a ricoprire posizioni chiave all’interno dello Stato, come dimostrano i primi ministri Ben-Gurion, Shamir, Begin e Rabon.

Questi uomini avrebbero trascorso il resto della loro vita a comandare gli atti terroristici compiuti da altri, con un’ipocrisia che si stenta a credere; fu Lord Victor Rothschild, il controllore deu servizi segreti britannici, che fornì a Israele il know-how delle armi nucleari; furono i Rothschild, che controllarono Israele fin dall’inizio e continuano a controllarlo, a dettarne la politica; furono i Rothschild e il resto della rete della Confraternita a nascondere e insabbiare il fatto, confermato dagli storici ebrei, che la stragrande maggioranza del popolo “ebreo” d’Israele deriva geneticamente dalle montagne del Caucaso, e non dalla terra che attualmente occupa.

Il popolo ebreo è stato sacrificato dai Rothschild sull’altare dell’avidità e della sete di potere, ma anche i Rothschild devono ubbidire a un’autorità superiore che, secondo me, ha probabilmente sede in Asia e l’Estremo Oriente dà le direttive al quartier generale operativo di Londra.
In definitiva, l’intera truffa viene orchestrata dal livello inferiore della quinta dimensione. Per maggiori particolari sul contesto e le fonti che supportano quanto da me qui esposto, vi rimando ancora una volta a … e la verità vi renderà liberi.

di David Icke 
tratto da: http://www.stampalibera.com/index.php?a=27527 

David Icke in italiano: 
http://thelivingspirits.net/david-icke-in-ita/index.html

giovedì 19 febbraio 2015

Mentre reporter BBC incolpa i separatisti russi per colpi di fuoco, da dietro gli esplodono quelli ucrainici (video)


REPORTER DELLA BBC INCOLPA I SEPARATISTI RUSSI
PER I COLPI DI FUOCO
... POI DEI PROIETTILI CHE ARRIVANO DA FORZE UCRAINE
GLI ESPLODONO DIETRO LE SPALLE
www.davidicke.com



da: http://russia-insider.com/en/tv_media_watch/2015/02/17/3576

In un altr fazioso report TV dall'aeroporto di Donetsk, un giornalista della BBC ha cominciato ad accusare le forze di autodifesa di Donetsk, di rompere il cessarte il fuoco... quando vine quasi ucciso da proiettili ucraini
"peace-loving", fedeli al cessate il fuoco.



Prima di tutto, Ian Pannell, corrispondente internazionale della BBC, accusa implicitamente i ribelli di tattica della terra bruciata.  Poi in un momento quasi surreale , mentre dice che il fuoco dell'artiglieria, sembra essere per lo piu' "uscente" , c'è una chiara e visibile evidenza di fuoco ucraino "entrante" , che termina con una esplosione pericolosa molto vicina e direttamente dietro di lui.

 
CAPO NAZISTA UCRAINO DIRETTO A
WASHINGTON, PER CHIEDERE ARMI
...si sentirà a casa
www.davidicke.com

Leading Ukrainian Nazi Will Visit Washington Next Week Seeking Weapons

Andrey Parubiy, un co-fondatore del Social Nationalist Party of Ukraine, che la CIA ha rinominato il   “Freedom” Party (“Svoboda”) - partito della Libertà- perchè venisse celata la sua origine come partito nazista ucraino, ha annunciato che il 15 febbraio avrebbe cercato armi dagli USA. Ha dato vita (ma lo ha nominato la CIA) alla "Operazione Antiterroristi dell'Ucraina, che ha cercato di sterminare i residenti nella regione del Donbass in Ucarina, la regione dei separatisti ucrainici

La dichiarazione di Parubiy cosi diceva:  “La prossima settimana  sono negli Stati Uniti per parlare proprio su questo tema", ovveroi avere da Washington una fornitura di armi necessarie per finire quel lavoro. 

La ragone della sua visita: l'Ucraina non ha piu' munizioni, fucili o altro equipaggiamento necessario per raggiungere il suo obiettivo.

mercoledì 18 febbraio 2015

M. Foa e Il golpe di San Remo. Un aiutino a Renzi?



by Marcello Foa
 
Chissà se passerà alla Storia come “il golpe di Sanremo”. Già perché anche Sanremo ha avuto un ruolo nei fatti, gravissimi, avvenuti tra giovedì e sabato mattina alla Camera dei Deputati. Ruolo non attivo ma passivo. E verosimilmente non casuale nelle scelte di Renzi, il quale dimostra di aver imparato davvero bene le regole dello spin.
 
Quando vuoi far passare una legge o una decisione delicata e potenzialmente impopolare, i momenti propizi sono due: sull’onda di un’emozione collettiva molto forte (vedi le leggi liberticide passate in America dopo l’11 settembre) o mentre è in corso un evento capace di catalizzare l’attenzione delle masse, come la finale dei campionati mondiali di calcio, le Olimpiadi e, in Italia, naturalmente Sanremo. Quando una trasmissione ottiene il 50% dell’audience per più giorni, diventando l’argomento di cui tutti parlano – dai giornali fino ai social – qualunque altro fatto diventa secondario, persino un golpe istituzionale.

Quanto avvenuto nel Parlamento italiano è senza precedenti: se tutte le opposizioni si uniscono superando diffidenze ataviche – il Movimento 5 Stelle con Forza Italia! La Lega con Sel! – significa che è successo qualcosa di inaudita gravità; una minaccia diretta alle Istituzioni e alla democrazia.

Ma quanti italiani se ne sono resi davvero conto? Relativamente pochi. La massa ha percepito qualcosa, ma vagamente. Se questo fosse avvenuto una settimana prima o una settimana dopo, le conseguenze sull’opinione pubblica sarebbero state alquanto diverse.

Per fortuna non è ancora stata scritta la parola fine, ma, purtroppo, ancora una volta la stampa non ha aiutato i cittadini a capire. Come i lettori sanno, vivo e lavoro in Svizzera e non ho più tempo di seguire nei dettagli le alchimie della politica italiana. Quando sono giunte le prime notizie sulla rivolta delle opposizioni ho cercato di capire quale fosse il testo approdato in aula, dunque ho cercato di capire i contenuti, il merito della riforma ma sui siti era impossibile trovare rimandi esaustivi al riguardo: i link visibili nelle home page riguardavano fatti avvenuti nelle ultime 48 ore; in tv e in radio approfondimenti zero (si parlava di Sanremo…). 

La ragione è presto spiegata: i giornalisti che si occupano quotidianamente di politica a un certo punto pensano che tutti siano al corrente e smettono di ricordare i fondamentali; non si rendono conto che, invece, la maggior parte del pubblico ha al più una visione e una memoria parziale di quel che accade e gradirebbe, proprio nei momenti topici, che qualcuno spiegasse i punti fondamentali della riforma.

Insomma, la stampa paradossalmente non ha aiutato i cittadini a capire le ragioni dello scontro tra Renzi e le opposizioni.
Opposizioni che, peraltro, forse non hanno scelto la via giusta: come osserva Roberto Scafuri, oggi Renzi può contare su meno di 310 seggi, dunque sotto il quorum. E se le opposizioni fossero rimaste in aula e avessero votato in modo compatto la riforma sarebbe stata bocciata.

Così non è stato e a Renzi per ora è riuscito il “golpe di Sanremo”: tutto si è svolto tra l’apertura e la chiusura del Festival. Tempismo perfetto, che ha permesso al premier di uscirne con un danno di immagine tutto sommato contenuto.

Già, per ora. Adesso tocca a Mattarella: se vuole davvero essere il presidente degli italiani e il garante della Costituzione non può che bloccare la riforma, rimandandola in aula.
Altrimenti non resterà che il voto di marzo. Quando non ci sarà Sanremo a proteggere il premier più pericoloso della storia d’Italia dalla fine della Seconda Guerra mondiale. 

fonte: http://blog.ilgiornale.it/foa/2015/02/15/renzi-e-il-golpe-di-sanremo/

Ucraina: soldati USA a Mariupol. In un video la prova



di Maurizio Blondet

Ovviamente, i nostri media non vi faranno vedere questi video, che dimostrano la presenza di combattenti americani a Mariupol. La fonte è al disopra di ogni sospetto, in quanto ucraina: una giovane giornalista televisiva e il suo cameraman stanno mostrando le devastazioni e le fiamme del mercato di Mariupol colpito da artiglierie, forse da razzi Grad. 


Ad un certo punto avanza correndo un soldato che la giornalista crede un ucraino, perchè indossa la mimetica ucraina e ha un kalashnikov; lei gli corre dietro chiedendogli: "Che cosa è successo qui? Mi dica?" Il cameraman cerca di prendere il volto del soldato ucraino. 

La risposta del soldato ucraino è furiosa, e in inglese: "Out of my face please!" E se ne va tutto affannato. La giornalista resta di stucco: com’è che i nostri eroici soldati parlano inglese da lingua madre, con una frase idiomatica? Andare al minuto 2.36 per la risposta del soldato "ucraino". 

L’arrivo di soldati Usa sul terreno è stato annunciato ufficialmente il 21 gennaio scorso dal generale Ben Hodghes, capo della US Army Europe, ma solo come addestratori per i soldati di Kiev, ...

fonte: http://www.luogocomune.net/site/modules/news/ 

 
RUSSIA: " Gli USA stanno preparando  una risposta militare se la diplomazia "fallisce"
dalla nostra unità di traduzione orwelliana

"STIAMO PREPARANDO UNA RISPOSTA MILITARE PERCHE' LA DIPLOMAZIA
E' PREVISTO FALLISCA"

www.davidicke.com


vedi anche:
http://www.globalresearch.ca/kiev-breaches-minsk-agreement/5431410

martedì 17 febbraio 2015

Netanyahu esorta gli Ebrei Europei a trasferirsi in Israele dopo l'attacco in Danimarca...


 "Netanyhau vuole che gli Ebrei Europei vadano 
in Israele per loro "protezione"
Dove vivranno? Dove vivono ora i Palestinesi...
Segui la sequenza degli eventi recenti,
chiediti chi ne trae beneficio e questo ti porterà alla verità"
www.davidicke.com



‘Benjamin Netanyahu, il Primo Ministro Israeliano, ha sollecitato gli Ebrei europei ad emigrare in Israele dopo la sparatoria che ha colpito a morte un Ebreo danese fuori da una sinagoga di Copenhagen, la scorsa domenica.
Netanyahu ha annunciato che il governo discuterà domenica un piano di 46 milioni di dollari, per incoraggiare la migrazione degli Ebrei dal Belgio, Francia e Ucraina e ha detto, all'inizio di un meeting del governo, che Israele è la patria di tutti glòi Ebrei.
La sparatoria alla sinagoga di Krystalgade, che ha ucciso un 38enne ebreo, guardia di sicurezza,  è sopraggiunta solo dopo alcune ore da un'altra sparatoria che ha lasciato vittime, durante un evento di libertà di parole, rappresentante un artista che aveva fatto delle caricature del profeta Muhammad.’

>>> fonte: http://rt.com/news/232535-netanyahu-european-jews-israel/

SUL TEMA....

 

 Je Suis Charlie? – Holocaust skeptic sentenced to two years prison in France 

Je Suis Charlie? Uno scettico sull'Olocausto condannato a due anni
di carcere in Francia

‘Alla luce del ‘Je Suis Charlie’, libertà di parola hoopla, il regime francese ha appena confermato una sentenza, quella contro Vincent Reynouard: due anni di prigione causa le sue opinioni non-violente sulla storia, riguardo all'Olocausto.’
La vergogna della "libertà di parola" continua nella Repubblica talmudica di Francia’

>>> fonte: http://nonalignedmedia.com/2015/02/holocaust-skeptic-sentenced-two-years-prison-france/ 

lunedì 16 febbraio 2015

Spietatezza e predazione, alias la Grande Cabala Mondiale

La Grande Cabala Mondiale, alias l'Elite, alias spietatezza e predazione

Questo controllo ha avuto inizio in Europa e ha una continuità che può essere fatta risalire al tempo in cui i banchieri scoprirono che era più redditizio fare prestiti ai governi che a singoli individui bisognosi.
Queste famiglie di banchieri e i loro beneficiari asserviti sono arrivati a possedere  le imprese più importanti, nel corso di due secoli, durante i quali si sono, segretamente e in maniera crescente, organizzati come  controllori dei governi di tutto il mondo e come arbitri della guerra e della pace.
Se non capiremo questo non saremo in grado di comprendere le vere ragioni per le due guerre mondiali e l'imminente Terza Guerra Mondiale, una guerra che quasi certamente inizierà come conseguenza del tentativo americano di conquistare e controllare  l'Asia centrale. L'unica via di uscita per gli Stati Uniti è fare marcia indietro - cosa che i popoli degli Stati Uniti e del mondo vogliono, ma l'elite no.
Gli Stati Uniti sono un paese controllato attraverso la proprietà privata della Federal Reserve, che a sua volta è controllata da un manipolo di famiglie di banchieri che si sono affermate soprattutto con l'inganno.
Nel suo interessante libro The Secret Team (La Squadra Segreta), il colonnello Fletcher Prouty, l'ufficiale addetto alle istruzioni del Presidente degli Stati Uniti dal 1955 al 1963, narra un importante episodio, in cui Winston Churchill pronunciò delle parole rivelatrici durante la seconda guerra mondiale:
"In questa notte particolare c'è stato un pesante raid su Rotterdam. Rimase lì seduto, meditando, e poi, come parlando a se stesso, disse  'guerra sottomarina indiscriminata, senza restrizioni nei bombardamenti aerei -  questa è guerra totale' Continuò a stare seduto lì, a guardare una grande mappa, e poi disse, 'Il Tempo e l'Oceano e qualche stella polare e la Grande Cabala (High Cabal) ci hanno reso quello che siamo'. "
Prouty afferma inoltre: 
"Fu una scena memorabile e un'insolita rivelazione della realtà, nella migliore delle ipotesi. Se per il grande Winston Churchill, vi è una 'Grande Cabala' che ci ha reso ciò che siamo, la nostra definizione è completa. Chi poteva sapere meglio dello stesso Churchill, durante i giorni più bui della seconda guerra mondiale, che esiste, senza dubbio, la Grande Cabala Internazionale? Questo era vero allora". 
E' vero oggi, specialmente in questi tempi di Ordine Globale. Questo onnipotente gruppo ha affermato la sua superiorità perché aveva imparato il valore dell'anonimato". Questa "Grande Cabala" è la "Cabala Globale" di oggi, chiamata anche l'elite da diversi scrittori.
Fonte originale : Global Research 7 Giugno 2011 
Traduzione: Dakota Jones, http://ilupidieinstei
         E' Tempo di Scegliere - 3 DVD