UN BLOG... PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG... PER TENERTI SVEGLIO
SAI BENE L'INGLESE? VUOI DARE UNA MANO ANCHE TU A TRADURRE ARTICOLI DALLA STAMPA INTERNAZIONALE NON MAINSTREAM? DIVULGARE CONOSCENZA E VERITA' OCCULTATE, E' UN CONTRIBUTO AL RISVEGLIO DELLA COSCIENZA. Contatto: academy@thelivingspirits.net.

THE LIVING SPIRITS: LA VERITA' TI RENDERA' LIBERO

THE LIVING SPIRITS: LA VERITA' TI RENDERA' LIBERO
UN PORTALE DI INFORMAZIONE ALTERNATIVA, per un modo naturale e spirituale di vedere la Vita, il Futuro, la Salute

Translate

giovedì 3 giugno 2010

LA PRAVDA: ISRAELE E LA SUA INTOCCABILITA'

Dalla versione inglese online della PRAVDA:
http://english.pravda.ru/opinion/columnists/31-05-2010/113590-israel_pariah-0

"L’aspetto che colpisce di più del più recente atto di terrorismo di Israele – un atto di pirateria ed assassinio – è che non ha sorpreso nessuno : come un ladro ruba, Israele commette crimini di guerra. Quello che invece è ancora più da sottolineare è il suo tentativo di auto-giustificarsi sostenendo che i propri soldati siano stati attaccati.

Beh, ovvio che siano stati attaccati: stavano illegalmente procedendo all’arrembaggio di una nave con a bordo degli attivisti della pace che cercavano di portare delle derrate alimentari all’affamata popolazione di Gaza, e si trovavano in acque internazionali.

E’ stato un atto di pirateria, si tratta di un atto di terrorismo: uno invade il tuo spazio, tu lo respingi.

Quello che Israele dovrebbe comprendere è che per essere accettati quali membri della comunità internazionale, si deve agire come uno di essi e ciò include l’attenersi alle risoluzioni dell’ONU, cosa che significa non solo fermare la costruzione di altre colonie su territori che sono stati rubati ai Palestinesi; ma include anche lo smantellare ogni colonia costruita su terre al di fuori dei confini originari di Israele.

Il furto delle identità per commettere colpi in stile mafioso, le violazioni dei diritti umani, l’abbattimento delle case dei civili palestinesi, l’appropriarsi di terre, l’attaccare ambulanze e l’uccidere soccorritori, lo sparare proiettili di gomma in mezzo agli occhi dei bambini, l’indossare magliette con disegnate delle donne incita con sotto la scritta “Prendi due paghi uno” o “Un colpo due centri”, sarà magari divertente per la gente di Israele, potrebbe anche essere da morir dal ridere e senza dubbio ci sono molti di loro rannicchiati a ridere in maniera incontrollata per un conto della lavanderia raddoppiato.

E’ vero, ci sono molti Israeliani che non sono Sionisti. E’ vero, ci sono molti Israeliani che appoggiano la causa palestinese e che criticano il comportamento dell’esercito israeliano. E’ vero, non tutti gli Israeliani approvano le orribili ed illegali pratiche omicide dello Stato di Israele… eppure lo Stato di Israele continua e continua e… continua a perpetrarle.

E che cosa si aspetta di guadagnare Israele da tutte queste offese alle leggi internazionali? Amicizia? Simpatia? Rispetto?

Se è così, il luogo comune che gli Israeliani siano intelligenti – se uno volesse azzardare una descrizione unica per un’intera collettività – è stato scagliato lontano nell’iperspazio. Simili azioni allargano di più il solco fra i cuori e le menti di quelli fra noi che vorrebbero vivere insieme come fratelli e sorelle tutti attorno ad un lago – i nostri mari – comune e coloro i quali sembrano gradire il vivere e morire con le armi.

L’ipotesi che Israele possa cavarsi fuori da questi ultimi atti di terrorismo senza pagarne lo scotto è tanto inaccettabile quanto realistica: Signore e Signori, ci siamo. Prestate attenzione: gli Stati Uniti d’America, la più grande delle colonie di Israele (è infatti guidata dall’AIPAC), si opporrà a qualsiasi tentativo di sanzionare Israele tramite l’ONU e la Turchia non lancerà un raid punitivo: dopo tutto Israele non è un manipolo di Armeni indifesi.

Israele non si sposterà di un millimetro, andrà avanti a tirar giù case con le ruspe; andrà avanti a rubare terre, andrà avanti a sparare proiettili di gomma fra gli occhi dei bambini, andrà avanti nel far sì che madri muoiano per le strade, continuerà i suoi atti di terrorismo, continuerà le sue stragi. La diplomazia internazionale continuerà a non far niente, perché gli USA sono tenuti stretti da Tel Aviv, come in una morsa al collo – o forse altrove.

La strada del progresso non è quella della diplomazia, perlomeno per come è oggi, dato che, ogni volta che c’entra Israele, la diplomazia e la legge internazionale non esistono.

Cerchiamo di essere onesti su questo punto: la strada per procedere non è nemmeno quella del terrorismo e della violenza perché sono fondamentalmente sbagliati, sono contrari ad ogni elementare aspetto che ci accomuna come umanità, e comunque non fanno altro che generare altra violenza in un crescendo a spirale.

NO, la strada per progredire passa per le misure economiche: questo approccio è totalmente legale, non-violento ed efficace.

La sola cosa che la comunità internazionale possa fare è agire con i piedi, o meglio, col portafoglio : boicottando i prodotti di Israele. Qualsiasi prodotto che riporti il numero seriale 729 – nelle prime 3 cifre a sinistra sul codice a barre – proviene da Israele.

by Timothy BANCROFT-HINCHEY

Nessun commento: