UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO
Notizie dal mondo, soprattutto da fonti internazionali, che il mainstream non riporta.

Translate

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 21 novembre 2010

L'EUROPA SI STA DISINTEGRANDO?

L’intero progetto europeo è ora a rischio disintegrazione, con conseguenze economiche e strategiche difficili da prevedere.

Questa mattina in un suo discorso, il Presidente della EU Herman Van Rompuy (poeta e scrittore di versi latini e giapponesi) ha rivolto un ammonimento ai capi europei: se gestiscono male l’attuale crisi e consentono all’eurozona di rompersi, distruggeranno l’Unione Europea stessa.

“Siamo in una crisi di sopravvivenza. Dobbiamo lavorare tutti insieme per poter sopravvivere con l’eurozona, perchè se non sopravviveremo con l’eurozona non sopravviveremo con l’Unione Europea”, ha detto

Sta ammettendo che il gioco d’azzardo di lanciare una moneta prematura e disfunzionale senza un Tesoro centrale, o una unione debitoria, o un governo economico, per farle da salvataggio ora più tornare indietro come un boomerang infuocato. Prima le economie, i sistemi legali, le pratiche della gestione dei salari, la crescita produttiva e la sensibilità agli interessi di rateo, del nord e del sud dell’Europa erano più o meno in una convergenza sostenibile.

A Jacques Delors e compagni padri fondatori dell’ EMU (Economic and Monetary Union) fu detto dalla commissione degli economisti, agli inizi degli anni 90, che questa avventura incosciente poteva non funzionare come pesavano e portare invece ad una crisi traumatica.

Fu detto loro anche che le unioni valutarie non eliminavano il rischio: lo spostavano semplicemente da quello valutario a quello di default.

Ma no, i maestri europei non ascoltarono nessuno. (…) Bastava la fede politica. Gli investitori che avrebbero dovuto saperlo meglio, caddero nella trappola comprando il debito greco, portoghese e irlandese a 25-35 punti sopra i titoli di stato

(…) Ora stiamo vedendo che accade quando si creano tali pericoli morali nel sistema.

(…) Mr Delors disse ai colleghi ogni crisi sarebbe stata “benefica” perchè avrebbe consentito alla EU di rompere la resistenza al federalismo fiscale ed accumulare quindi potere fresco.

Lo scopo dell’EMU fu politico, non economico, ecco perchè le obiezioni degli economisti potevano essere disattese.

Una volta in vita la valuta, gli stati Europei avrebbero rinunciato alla sovranità nazionale, perché essa potesse funzionare nel tempo.

(…) Ben lontana dal riunire l’Europa, l’unione monetaria sta portando acrimonia e recriminazioni reciproche . La prima eruzione l’abbiamo avuta all’inizio di questo anno quando un ministro Greco accusò I tedeschi di aver rubato l’oro dai caveau della banca centrale e di aver ucciso 300.000 persone durante l’occupazione nazista.

Ora la Grecia è sotto protettorato EU o il “Memorandum” come lo chiamano. Irlanda e Portogallo seguono a ruota, ma stanno già affrontando i dictat di Bruxelles e saranno presto sotto protettorato formale, in ogni caso.

(…) Se tutto ciò continua nel prossimo anno, con la disoccupazione ferma ai livelli della depressione o addirittura salendo allora avrà senso chi avrà la proprietà politica su queste politiche.

C’è un pieno consenso democratico, o questa sofferenza è imposta da padroni stranieri con un obiettivo ideologico?

(..) Dal mio punto di vista, la EU è diventata illegittima quando ha rifiutato di accettare l’esito delle elezioni dei cittadini francesi e olandesi, nel 2005, che rifiutavano la costituzione europea.

(…) L’Irlanda fu il solo Paese costretto a fare un voto, ama quando anche questo elettorato disse no, l’ EU di nuovo non lo prese in considerazione e intimidì l’Irlanda ad andare al voto una seconda volta, per farlo “bene”.

Questo è il comportamento di una organizzazione protofascista; se l’Irlanda ora – per ironia storica- fa partire la reazione a catena che distrugge l’eurozona e la EU, sarà molto difficile resistere alla tentazione di aprire una bottiglia di whisky Connemara e godersi il momento. Ma bisogna resistere. Il cataclisma non sarà carino..

Un solo pensiero per tutti I vecchi amici che lavorano nelle istituzioni EU è: che accadrà alle loro pensioni euro se Mr Van Rompuy ha ragione?"

by Ambrose Evans-Pritchard
Fonte:
http://blogs.telegraph.co.uk/finance/ambroseevans-pritchard/100008667/the-horrible-truth-starts-to-dawn-on-europes-leaders/

traduzione e sintesi Cristina Bassi

Nessun commento: