UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO
Notizie dal mondo, soprattutto da fonti internazionali, che il mainstream non riporta.

Translate

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 17 novembre 2011

IL NUOVO MINISTRO DELL'AMBIENTE FAVOREVOLE AL RITORNO DEL NUCLEARE...ED ALTRO

Il neo ministro Bruno Clini
Il neo ministro Bruno Clini


Mentre Pierluigi Bersani e Antonio Di Pietro sono ancora inebriati dalle dimissioni di Silvio Berlusconi da presidente del Consiglio, il centrosinistra si accorge che il governo Monti potrebbe portare avanti politiche scomode.
A partire dal nucleare. Proprio quando si pensava che il dibattito fosse stato sepolto dal referendum, il neo ministro dell’Ambiente Corrado Clini ha fatto sapere di essere favorevole al ritorno del nucleare anche se a determinate condizioni.

Intervenendo a Un giorno da pecora su Rai Radio2, Clini ha spiegato che "il ritorno al nucleare è un’opzione sulla quale bisognerebbe riflettere molto, anche se quello che è avvenuto in Giappone ha scoraggiato. Però di base la tecnologia nucleare rimane ancora, a livello globale, una delle tecnologie chiave".

Dal ritorno all'atomo al Ponte sullo Stretto di Messina, fino alla realizzazione della Tav il primo giorno di Clini al dicastero dell'Ambiente parte con una bufera di polemiche da parte del centrosinistra. Col Sel che lo accusa di partire "male, anzi malissimo" e il Pd che lo invita a "non guardare a un passato già bocciato".

Ma il più indispettito nei confronti dell'apertura all'atomo è senza dubbi il leader dell'Idv Antonio Di Pietro. "Se il buongiorno si vede dal mattino oggi non è un buon giorno per l’ambiente - ha detto l'ex pm - alla prima dichiarazione pubblica il ministro Clini ha già sbagliato due volte". E ha elencato: "In primo luogo perchè ritiene che in Italia bisogna considerare l’opzione nucleare, in secondo luogo perché, esercitando uno strumento di democrazia diretta, il popolo italiano ha bocciato con il 95% questa tecnologia obsoleta e pericolosa". Dall'attacco alle minacce, il passo è breve. Tanto che Di Pietro ha spiegato che l’Italia dei valori vigilerà affinché "si tenga conto del responso che è arrivato dalle urne".

Mentre sono fioccate per tutto il giorno le critiche di Verdi e dipietristi, il centrodestra esulta per la posizione di Clini. "Non possiamo che esprimere sincero apprezzamento per la strada indicata dal neo ministro all’Ambiente su temi importanti quali il nucleare e il taglio alle emissioni di gas serra - ha spiegato Agostino Ghiglia, capogruppo Pdl alla commissione Ambiente della Camera - ma queste prime battute evinciamo con soddisfazione che il ministro Clini si stia muovendo in continuità con le scelte di politica ambientale perseguite dal precedente Governo". Da qui la decisione del Pdl di confermare la fiducia al governo guidato dal neo premier Mario Monti. A questo punto, però, bisogna capire se il centrosinistra sarà ancora disposto ad appoggiare un governo che sta valutando la possibilità di riaprire l'ipotesi del nucleare in Italia".

FONTE:  http://www.ilgiornale.it/interni/clini_spaventa_sinistranucleare_si_ritornodi_pietri_e_verdi_alattacco/centrale_nucleare-antonio_pietro-referendum-bruno_clini-governo_monti/17-11-2011/articolo-id=557467-page=0-comments=1

1 - GOVERNO, CLINI: NUCLEARE SI, A CERTE CONDIZIONI; OK A OGM IN ZONE MARGINALI, COME APPENINI IN ITALIA...


CORRADO CLININucleare? Sì, ma a certe condizioni. La pensa così Corrado Clini, neoministro dell'Ambiente, che oggi è stato ospite del programma di Radio2 'Un Giorno da Pecora'. Ministro Clini - gli chiedono Sabelli Fioretti e Lauro - cosa ne pensa degli Ogm? "Gli Ogm in molti casi fanno bene, in altri possono essere pericolosi. Io sono favorevole ad usare Ogm nelle zone marginali dove c'è aridità e dove c'è dissesto idrogeologico". Anche in Italia? "In Italia meno, anche se forse in alcune aree sarebbe utili. Dove c'è dissesto, per esempio, come in alcune zone appenniniche, dove si potrebbero studiare piantumazioni ad hoc che possano conservare la sicurezza dei suoli e aumentare l'assorbimento del carbonio".

E' favorevole alla caccia? "Non sono un cacciatore, ma apprezzo i cacciatori che proteggono anche l'ambiente. Quelli che vanno a caccia per sfogarsi, invece, mi pare che siano pericolosi".
Cosa ne pensa del Ponte sullo stretto? "E' un'opera di ingegneria bellissima. Quello che dobbiamo capire è se nel nostro paese il Ponte sullo stretto sia un'opera prioritaria". E sul ritorno al nucleare è favorevole o contrario? "Il ritorno al nucleare è una opzione sulla quale bisognerebbe riflettere molto, anche se quello che è avvenuto in Giappone ha scoraggiato. Comunque, di base, la tecnologia nucleare rimane ancora una delle tecnologie chiave a livello globale". Quindi si o no? "Si, a certe condizioni". Sulla Tav, infine: si deve fare o no? "Si, assolutamente"



fonte: http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/cominciamo-bene-il-neoministro-dellambiente-clini-prima-di-ricevere-la-fiducia-si-fa-sfiduciare-32263.htm

Nessun commento: