UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO
Notizie dal mondo, soprattutto da fonti internazionali, che il mainstream non riporta.

Translate

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 26 febbraio 2012

BRZEZINSKI : IL POTERE GLOBALE? NON CE' PIU'...

(...) Parlando del suo 20.mo libro “Visione Strategica – l’America e la crisi del potere globale” – e forse il miglior tomo di geopolitica, Zbig, come è universalmente noto, ha dichiarato: “Dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica, abbiamo visto l’emergere di una unica potenza – gli Stati Uniti. Molti credevano che erano stati scelti da Dio e commissionati dalla storia ad essere il potere dominante sul mondo.
“Ora eccoci qui, due decenni più tardi, e non è più preminente”, ha detto a un pranzo al Club Nazionale delle Donne Democratiche. “Non siamo in declino, come alcuni suggeriscono, ma non abbiamo più il comando e il rispetto del mondo, e continuiamo a leggere che la Cina presto sostituirà gli Stati Uniti, da qualche parte tra il 2016 e il 2018” – da quattro a sei anni da oggi.
“Nessun singolo stato è egemone,” Brzezinski, consigliere del Centro Studi strategici e internazionali, sottolinea, “e siamo ancora i più potenti. Ma la nostra società è stagnante. Abbiamo appena bruciato 1.500 miliardi dollari in due guerre inutili e costose, sia col sangue che col tesoro, che sono falsamente giustificate e totalmente impossibili da vincere.” “Le conseguenze“, sostiene, “sono stati un drammatico declino della posizione globale dell’America in contrasto all’ultimo decennio del 20° secolo, una delegittimazione progressiva dell’America presidenziale e quindi della credibilità nazionale e anche una significativa riduzione dell’autoidentificazione degli alleati dell’America con la sicurezza americana“.
Nel frattempo, il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Jimmy Carter sottolinea, “La nostra infrastruttura è vecchia e decrepita. In Europa e in Giappone treni ad alta velocità collegano le principali città in tutta comodità. Qui chiamiamo Acela il nostro treno veloce, costruito per velocità di 150 mph che non raggiunge a causa delle massicciate che non può prendere. Sulla finestre attraverso cui si guarda, non si vede una nazione del futuro, ma scene che ricordano un paese del Terzo Mondo.”
Altri svantaggi importanti degli Stati Uniti, visti da Brzezinski: L’imperfetto sistema finanziario statunitense è dominato da interessi particolari che allargano l’ampia disparità dei redditi.
Gli Stati Uniti hanno un sistema politico bloccato, che dipende dal denaro, il che significa che può essere comprato. Il sistema di formazione degli Stati Uniti è eccellente – al top, il migliore del mondo. Ma il livello intermedio è imbarazzante, vicino al fondo della scala mondiale.

Perché gli Stati Uniti non hanno più ottenuto il rispetto del mondo come fecero quando emersero vittoriosi dalla Guerra Fredda con l’Unione Sovietica, non è troppo difficile da capire. Ma gli Stati Uniti sono ancora il paese più ricco del mondo, innovativo, con energia residua e patriottismo che possono ancora essere sfruttati e portati nella giusta direzione. Gli Stati Uniti possono prendere l’iniziativa sui diritti umani e la libertà di stampa ed hanno quello che serve per rivitalizzare le potenze occidentali, in uno sforzo concertato.

Gli Stati Uniti hanno giustamente paura dell’estremismo islamista. Ma la soluzione, dice Brzezinski, si trova in Turchia, un paese di 80 milioni di abitanti che è “altamente islamico, ma anche molto moderno. La Turchia è in Europa, un bene, una democrazia salda spiritualmente vicina all’Occidente.”
Brzezinski sostiene che gli Stati Uniti dovrebbero allargare l’Occidente incorporando la Russia. I leader statunitensi hanno perso il treno, alla fine della Guerra Fredda, quando alcuni leader della Guerra Fredda hanno detto pubblicamente che era tempo di invitare la nuova Russia nella NATO, che avrebbe costretto i nuovi leader della Russia ad optare per l’Occidente democratico.

Vladimir Putin vuole creare una unione eurasiatica, dice Brzezinski, composta dagli stati dell’ex Unione Sovietica, ma la maggior parte di questi paesi sono determinati a non tornare a un’unione dominata dagli uomini del Cremlino. La sua opinione sui disordini “populisti” nel mondo arabo è che sono causati, per la maggior parte, dalla “disuguaglianza”. Non è una primavera araba. La guerra civile in Siria, in Egitto, scontri inter-tribali, lo spargimento di sangue in Libia, indicano turbolenza politica molto avanzata.

Demonizzare la Cina, dice Brzezinski, è semplicemente invitare i leader cinesi a demonizzare gli Stati Uniti, per risposta. Gli Stati Uniti sono interdipendenti in molte zone e tessono la leadership cinese in una rete di interessi reciproci con gli Stati Uniti, in un senso più geopolitico che non lo scontro.
Un attacco israeliano contro l’Iran, dice Brzezinski, sarebbe un disastro per gli Stati Uniti più che per Israele, nel breve periodo, e un disastro fondamentale per Israele nel lungo periodo.

Si innescherebbe una collisione con gli Stati Uniti e renderebbe il nostro compito impossibile in Afghanistan. Incendierebbe il Golfo Persico, aumentando il prezzo del petrolio di tre o quattro volte. Gli americani, che già pagano quasi 4 dollari al gallone, lo vedrebbero schizzare a 12 dollari o più.
L’Europa diventerebbe ancora più dipendente dal petrolio russo, di quanto lo sia già adesso. Quindi, quale sarebbe il vantaggio per gli Stati Uniti?


Traduzione di Alessandro Lattanzio

Nessun commento: