UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO
Notizie dal mondo, soprattutto da fonti internazionali, che il mainstream non riporta.

Translate

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

lunedì 27 agosto 2012

MOVIMENTO 5-STELLE NEL CONSIGLIO COMUNALE DI MILANO: I PARADOSSI DEI POLITICI DI PROFESSIONE...



Ormai è passato un anno da quando il M5S è entrato nel consiglio comunale di Milano.
Durante questo anno abbiamo cercato di imparare il funzionamento della macchina comunale per capirne le regole e per capire dove intervenire per rendere l'attività consiliare più vicina ai cittadini, più trasparente, più partecipata. Ma la cosa che ci ha colpito maggiormente è stato il rilevare che c'è non solo una mancanza assoluta del rispetto di molte delle regole scritte che regolano l'attività consiliare ma anche un totale lassismo per cui nessuno si muove affinchè queste vengano fatte rispettare. A volte c'è qualcuno che alza la voce, qualcuno che minaccia, qualcuno che si indigna ma poi all'atto di agire non succede mai niente.

Bene, dopo un anno di esperienza consiliare abbiamo deciso di mettere fine a questo andazzo e di iniziare ad utilizzare tutti i mezzi leciti previsti per imporre il rispetto delle regole previste. Per questo ci siamo dotati di un gruppo legale che ci sosterrà in questa nostra lotta e il primo atto in tal senso è gia stato avviato.

Si tratta del ricorso che abbiamo presentato al Presidente della Repubblica a seguito della violazione che è stata perpetuata a giugno nella fase di approvazione della delibera sul rendiconto 2011 per cui sono stati fatti passare solo 4 giorni invece dei 20 previsti dalla legge tra la consegna della documentazione ai consiglieri e la convocazione del Consiglio Comunale, impedendo così i consiglieri di poter avere il tempo materiale giusto per poter studiare i documenti e poter così partecipare ad una discussione molto importante come quella relativa al rendiconto del 2011 nella maggiore consapevolezza possibile. Violazione che per noi non rappresenta un semplice vizio formale ma un grave vizio sostanziale perchè riguarda le prerogative di informazione, partecipazione e trasparenza che noi riteniamo debbano essere sempre garantite e rispettate.

A tal proposito leggiamo la seguente dichiarazione rilasciata a Repubblica dal deputato/assessore Tabacci il 21 agosto (http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2012/08/21/gamberale-non-ci-fermera-vendiamo-la-sea.html?ref=search) :

«Penso a chi segue cattivi consiglieri. Mattia Calise, il rappresentante del Movimento 5 stelle a Milano, ha presentato il 13 agosto un ricorso al presidente della Repubblica per annullare la delibera sul rendiconto 2011, perché i consiglieri avrebbero avuto meno giorni di quelli stabiliti dalla legge per consultare gli atti. A settembre convocheremo un Consiglio straordinario per la riconvalida, ma è chiaro che ricorsi come questi sono azioni sproporzionate»

Troviamo stupefacente questa dichiarazione dell'assessore Tabacci che definisce sproporzionata la decisione del gruppo consiliare Movimento 5 Stelle di Milano di ricorrere contro una procedura che lui stesso ammette essere palesemente illegittima in quanto afferma che sarà convocato un Consiglio straordinario appositamente per mettere una pezza alla situazione.  

Per noi sarebbe fin troppo facile ribattere definendo sproporzionata la sua arroganza e la sua mancanza di rispetto di quelle regole democratiche che sempre dicono di rispettare ma che all'atto pratico non rispettano mai. 

E vorremmo precisare, per dovere di informazione, che questo ricorso è stato presentato per la difesa dei diritti non solo del consigliere Mattia Calise, ma di tutti i consiglieri comunali, compresi quelli della maggioranza silente. Il diritto alla partecipazione e alla conoscenza degli atti che il Consiglio Comunale è chiamato ad approvare è alla base delle regole del confronto democratico. Nel caso specifico del rendiconto c'è una legge che parla chiaro, e la legge per noi va rispettata. Questo è rispetto della legalità, applicato in concreto.

Ora il Sindaco, l'assessore/deputato e tutta la giunta forse inizieranno a capire che noi, a differenza degli altri partecipanti al teatrino e cioè i partiti di maggioranza e pseudo-opposizione che abbaiano ma che non mordono, che annunciano i ricorsi ma poi si dimenticano di mandare la raccomandata, da ora in poi facciamo sul serio per cui non saremo più disposti ad accettare passivamente il ripetersi di situazioni simili.

 

Nessun commento: