UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO
Notizie dal mondo, soprattutto da fonti internazionali, che il mainstream non riporta.

Translate

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

mercoledì 8 agosto 2012

SVELATO IL PASSATO TROPICALE DELL'ANTARTICO!




Hanno scoperto la prima prova diretta di un continente molto piu' verde  e caldo nell'Oceano del Sud. Nature ha pubblicato la scoperta
I ricercatori hanno portato una nave di ricerca a Wilkes Land al largo della costa orientale dell'Antartico, dove hanno trivellato a un km di profondità nel letto dell'oceano. Gli strati del sedimento estratto, contengono minuscoli fossili e sostanze chimiche, intrappolate in un fotogramma del tempo.
Il Dr James Bendle della University of Glasgow è sttao un membro del team che ha partecipato alla ricerca. Dice:
'Nei sedimenti abbiamo trovato pollini fossilizzati che rappresentano due distinti ambienti  con due diverse condizioni climatiche: una calda foresta pluviale dominata da felci,  palme e baobab ed una regione piu' fredda e montagnosa  dominata da conifere e faggi.'
Il baobab è originario del Madagascar ed è anche noto per essere l'albero della vita", perchè i suoi gonfi tronchi possono  immagazzinare acqua.
'Molti dei pollini della foresta pluviale  vengono da alberi  che sono impollinati da insetti, incluse le palme e il baobab, ma anche  la macadamia, che produce quelle noci deliziose che apprezziamo oggidì,' aggiunge Bendle.

'I pollini di entrambi gli habitat sarebbero stati portati via dall'acqua, soffiati via o trasportati da insetti nel basso fondale della costa, dove si è sedimentato nel fango ed è stato preservato per 50 milioni di anni circa.'
I pollini indicano che le temperature intorno alla costa antartica sarebbero state intorno ai 16°C, in estate con punte di 21°C  e inverni al di sopra dei 10°C  persino durante i 3 mesi di oscurità . Ulteriore prova di queste temperature miti ci giunge da molecole organiche preservate, prodotte da batteri del suolo  che sarebbero vissuti nei terreni lungo la costa".

L'articolo continua in Planet Earth Online
tradotto dalla fonte originale: http://www.enn.com/ecosystems/article/44751

Nessun commento: