UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO
Notizie dal mondo, soprattutto da fonti internazionali, che il mainstream non riporta.

Translate

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

lunedì 8 ottobre 2012

CHI SOPPRIME IN PRIMIS LA VERITA' E' IL GIORNALISMO. NON LA CENSURA



Questo il commento sintetico e lapidario giunge dalla newsletter odierna di DAVID ICKE, che prima di divenatre famoso teorico della cospirazione globale, su scala internazionale, è stato un cronista sportivo alla BBC . (Per la sua newsletter bisogna iscriversi sul suo davidicke.com).
Su The Living Spirits, oltre che su alcuni post di questo blog, potete trovare le mie traduzioni di alcune delle sue newsletter piu' recenti

Nel seguito traduco alcuni paragrafi delal newsletter del 7 ottobre 2012 , specifici sull'argomento "giornalismo mainstream, e disinformazione" :



"La  maggiore soppressione della verità operata dai giornalisti non viene dalla censura. ma da quella pura e bieca ignoranza di cio' che veramente sta accadendo nel mondo e di come tutto è in relazione ad un obbiettivo specifico. Solo dopo arriva la censura, che prende la forma sia della censura operata dall'esecutivo, che - molto meggio- della autocensura".


I giornalisti "mainstream" ("della stampa ufficiale") non vengono assunti, dopotutto, per la loro intelligenza e conoscenza del mondo per quello che veramente è. Sono invece assunti perchè facciano da "ripetitori" condiscendenti della linea ufficiale e aziendale. Riporta gli eventi all'interno degli stretti parametri della percezone "accettabile", e farai bene. Potrai persino essere visto come colui che ce l'ha fatta a fare il suo show ,come l'ex lobbista israeliano Wolf Blitzer, o l'ex interno della CIA Anderson Cooper o pseudo giornalsta Piers Morgan.
Ma rendi note le cospirazioni che distruggono l'America, come ha fatto Lou Dobbs, o Amber Lyon (della CNN), che ha reso noi gli oltraggi in un Paese come il Bahrain che fa da sponsor alla programmazione sui vostri network e in un modo o nell'altro, davanti a te... la porta di uscita.
La Lyon è stata una reporter investigativa, che ha vinto un premio, sul Criminal News Network e che cercava  di dire la verità sulla tirannide e gli omicidi di massa in Bahrain . Improvvisamente si rende conto  delal vera misura delal corruzione che ha sotto controllo la CNN


La Cabala Globale non sarebbe dove è oggi nei termini dell'incubo orwelliano, senza le azioni e le non-azioni dei media mainstream, sostanzialmente controllati per quel che riguarda la stampa, la radio, internet e la televisione.

David Rockefeller, uno dei pilastri della cospirazione  per la piu' parte degli anni 70, disse ai 'facilitatori mediatici' presenti al meeting del Bilderberg Group a Baden-Baden, Germania, nel 1991:
Siamo grati al Washington Post, al New York Times, al Time ed altre grandi pubblicazioni [PS: Lilli Gruber era presente all'incontro Bilderberg questo anno in USA]  , i cui direttori hanno frequentato i nostri incpntri  e hanno rispettato la loro promessa di discrezione per almeno 40 anni... Sarebbe stato impossibile per noisviluppare il nostro piano per il mondo se fossimo stati sottoposti alle luci della notorietà durante quegli anni.
Ma, ora il mondo è piu' sofisticato e preparato per marciare verso un governo mondiale. La sovranità sovranazionale di una elite intellettuale e di banchieri mondiali è certamente preferibile alla autodeterminazione nazionale, praticata nei secoli pasati .

Questa affermazione fu riportata da due quotidiani francesi e da Hilaire du Berrier, l'editore veementemente anticomunista della Hilaire du Berrier Reports ubicata a Montecarlo, nonchè ricercatore di lunga data dei membri del Bilderberg.  



Amber Lyon fu inviata in Bahrain nel 2011 per coprire l'ambito delle proteste contro (l'autoproclamatasi) tirannia "reale" del Re Hamad bin Isa bin Salman Al Khalifa e della deprecabile dinastia che ha governato il Paese per piu' di 200 anni (che è stata tenuta al potere dalla Gran Bretagna e piu' recentemente dall' America). La CNN non ha voluto che lei riportasse la verità sul regime del Bahraini, ma in qualità di rara e autentica giornalista nell'arena mainstream, lei inveece lo ha fatto.

La Lyon raggruppo' interviste ed evidenze che rivelavano l'uccisione, l'imprigionamento e la vessazione di manifestanti pacifici e come altri semplicemente "sparivano". Questa giornalista fece tutto cio' nonostante l'estrema intimidazione a lei diretta, come alla sua squadra di riprese, da aprte del regime del Bahraini, incluso il fatto di essere stati costretti a terra con i fucili alle tempie e nonostante le veementi lamentele all'esecutivo della CNN da parte dei dittatori di Khalifa 

Nel Bahrain è "casa" per la 5a Flotta USA e per molte multinazionali americane. Ha un settofre bancario altamente significativo , come la produzione di greggio.


Sostanzialemnte i grandi media sono strutturati in due modi. Da un lato avete soprattutto le operaioni di "giornalismo di qualtà" pomposo e illusorio, come quello della CNN e BBC che afferma , ed è ridicolo, di riportare i fatti in modo imparziale. Il secondo modo, ed è soprattutto negli USA, avete un'apparente polarità  di "fonti di informazione" come la Fox News ('quelli di destra') e la MSNBC ('quelli di sinistra'), il cui ruolo è di perpetuare "l'illusione" che ci sia la scelta di politiche di due "partiti"."



Per 'quelli di destra' è bene che Bush vada in guerra e uccida molte persone dalle facce marroni dall'altro lato del mondo, ma se lo fa Obama è pessima cosa. Per 'quelli di sinistra' è male che Bush vada in guerra e uccida molti con le facce marroni, dall'altra parte del mondo, ma non è cosi male se lo fa Obama. Il comune denominatore: molti esseri umani con le facce marroni dall'altra parte del mondo vengono uccise.


Il mondo è cosi inondato di menzogne che trovare la verità  è una sfida infernale e quotidiana . I mezzi di comunicazione di massa "ufficiali", i "mainstream media", sono di ostacolo, non di aiuto in quetso. Sono esattamente come sono stati voluti.

by David Icke
traduzione Cristina Bassi

_________________

si veda anche :
Rupert Murdoch's War on Journalism (www.outfoxed.org)

Nessun commento: