UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO
Notizie dal mondo, soprattutto da fonti internazionali, che il mainstream non riporta.

Translate

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

sabato 23 marzo 2013

MESSORA CONSULENTE DEL GRUPPO DI COMUNICAZIONE M5S PER IL SENATO. E GIA' SI SON SCATENATI "EQUIVOCI" ...

 
Il comunicato originale lanciato sul blog di Beppe Grillo, quello che annunciava la costituzione dei due gruppi di comunicazione previsti dal Codice di Comportamento Parlamentare firmato da tutti gli eletti del Movimento Cinque Stelle, diceva così:
" I due gruppi di comunicazione per la Camera e il Senato del MoVimento 5 Stelle hanno da oggi, in qualità di consulenti, due coordinatori che si interfacceranno con i rispettivi capigruppo. Per la Camera, Daniele Martinelli, e per il Senato, Claudio Messora. "
 Da nessuna parte è utilizzata la parola portavoce. Né da me è mai stato asserito, in alcuna sede e in alcun modo, di essere un "portavoce del Movimento Cinque Stelle". Tuttavia, l'utilizzo che la stampa ha fatto di tale termine per riferirsi ai due ruoli ha generato molti equivoci, alcuni sicuramente in buona fede.
 

 In una mia intervista a La Zanzara, peraltro condotta più che decorosamente da Giuseppe Cruciani, ho risposto a domande che mi erano state poste a titolo personale circa la questione annosa della fiducia. Non ho mai usato aperture né ipotetiche né sottintese e non ho mai avallato interpretazioni diverse da quelle che rappresentano l'usuale linea del Movimento Cinque Stelle, che si è sempre dichiarato contrario ad ogni forma di alleanza. Ciononostante, alcuni giornali si sono dedicati alla titolazione creativa, generando confusione e incertezza.
 

Siccome non ho un ruolo di portavoce, per minimizzare il rumore di fondo, ho creduto opportuno rifiutare tutte le interviste televisive e radiofoniche successive (linea che, del resto, con la sola eccezione de La Zanzara, avevo già adottato da settimane, perché se i portavoce del Movimento Cinque Stelle non vanno in televisione, poi si finisce per correre il rischio di accreditarsi come l'unica voce autorizzata e rappresentativa).

 Questa mattina, tuttavia, Marco Travaglio ironizza, nella sua colonna sul Fatto Quotidiano, circa la presunta incapacità dei nuovi portavoce del Movimento Cinque Stelle, definendoli portasilenzi, riferendosi al mio incarico. Travaglio è stato molto vicino al blog di Grillo, tanto da tenere una rubrica tutti i lunedì per anni. Ammesso che la definizione di "consulenti" e "coordinatori" fosse fraintendibile (e non lo credo), immagino che abbia tuttavia maturato una conoscenza del Movimento tale da sapere che i "portavoce" sono Vito Crimi e Roberta Lombardi, e non altri. Qualora gli restassero dei dubbi, mi chiami pure: sarò felice di chiarirglieli.

 Il suo articolo di oggi, in relazione alla mia denuncia del 19 marzo, chiude così:

" Ma non spetta a un portavoce denunciarlo: il suo compito è rispondere a tutti, anche a chi non gli garba, magari per comunicare le iniziative che sono la vera forza di M5S: spulciare, chieder conto di tutto, costringere i partiti a seguirlo su terreni mai praticati come la sobrietà, i risparmi, la guerra ai privilegi, ai conflitti d'interessi, l'ineleggibilità dei condannati, la difesa dei deboli, dell'ambiente e degli altri beni comuni.
 Invece i nostri eroi fanno gli offesi perché "parlavamo a titolo personale" e i giornalisti non li hanno capiti (ma un portavoce non parla mai a titolo personale o, se vuole farlo, si dimette da portavoce). Il risultato è da ammazzarsi dalle risate: i portavoce, da ieri, sono in silenzio stampa."
 Avrebbe assolutamente ragione, se non fosse per il fatto che, appunto, io non sono mai stato e non sono il portavoce del Movimento Cinque Stelle. Ma lo ringrazio comuque per la lezione. E' sicuramente titolato per dare consigli (cioè per fare il "consulente") e a mia volta, da bravo consulente, farò tesoro dei suoi insegnamenti (che poteva forse comunicarmi in privato) nell'attività di coordinamento degli inquilini e del vero portavoce a cinque stelle di Palazzo Madama.

 Per quanto riguarda Martinelli, le cui posizioni personali si possono trovare nel suo blog, Travaglio dice che sarebbe andato a La Zanzara a fare affermazioni discutibili. Questo il tweet di Giuseppe Cruciani che smentisce:


 Detto questo, alcuni chiarimenti in ordine sparso sulle strutture di comunicazione, che saranno pronte entro un ragionevole lasso di tempo:

  • saranno composte da staff di cinque/sei persone
  • avranno una funzione di supporto tecnico in merito alla realizzazione di contributi multimediali (video su Youtube ecc.)
  • avranno una funzione di colloquio con il mondo della rete, dei social network e con la blogosfera
  • avranno una funzione di supporto tecnico circa la cura dei canali di comunicazione (web designer, grafica, web master)
  • avranno una funzione di ausilio nella redazione dei contenuti
  • svolgeranno anche la funzione di ufficio stampa, anche se privilegeranno il web, come è nella natura e nella filosofia del movimento del quale devono coordinare la comunicazione
  • avranno anche il compito di descrivere con la massima trasparenza e obiettività lo svolgimento dei lavori parlamentari e renderlo intelligibile anche a chi non ha il tempo di leggersi tutte le relazioni dell'Aula
  • saranno situate preferibilmente nelle stanze e negli uffici interni delle Camere, che saranno assegnati ai due gruppi parlamentari del Movimento Cinque Stelle, in modo da poter lavorare a stretto contatto con gli eletti
  • avranno a disposizione, per il loro funzionamento, una parte del budget che i regolamenti parlamentari assegnano ai gruppi per sostenerne le attività. Budget che verrà messo a disposizione, dopo essere stato erogato secondo le modalità previste, direttamente dai gruppi parlamentari, senza nessuna gestione esterna, e che in ogni caso verrà rendicontato, sia per la parte relativa alle spese sostenute, sia per la parte degli stipendi pagati, sia per la parte che riguarda eventuali rimborsi logistici.
  • coloro che faranno parte del team saranno soggetti agli stessi tetti prefissati che valgono per gli eletti, ovvero percepiranno uno stipendio che non potrà superare i 2500 euro netti, circa (5 mila lordi).
  • i membri del team saranno decisi da Beppe Grillo, in ottemperanza a quanto previsto dal Codice di Comportamento Parlamentare, sottoscritto dagli eletti all'atto della candidatura, che sul punto in questione recita: "La costituzione di due gruppi di comunicazione, uno per la Camera e uno per il Senato, sarà definita da Beppe Grillo in termini di organizzazione, strumenti e di scelta dei membri, al duplice fine di garantire una gestione professionale e coordinata di detta attività di comunicazione, nonchè di evitare una dispersione delle risorse per ciò disponibili. "
  • La mia posizione, oggetto del comunicato del 18 marzo 2013, è di coordinatore di questa struttura per quanto riguarda il Senato.
  • Attualmente non percepisco alcuno stipendio. Lo percepirò in futuro, per un importo da definirsi, che sarà sempre soggetto al tetto massimo di cui sopra.
 Certo di avere contribuito a chiarire il mio ruolo e il ruolo dei gruppi di comunicazione, vi rimando a futuri aggiornamenti per seguirne l'evoluzione.

(Claudio Messora)


fonte: http://www.byoblu.com/post/2013/03/21/I-gruppi-di-comunicazione.aspx

Nessun commento: