UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO
Notizie dal mondo, soprattutto da fonti internazionali, che il mainstream non riporta.

Translate

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

martedì 4 giugno 2013

GIOVANI CORAGGIOSI: FIGLIA DI EX CAPO DEL MOSSAD RIFIUTA DI ARRUOLARSI

Caricato in data 04/lug/2010 


Mi RIFIUTO di prendere parte ai crimini di guerra commessi dal mio paese. La violenza non porterà soluzioni e non commettero' violenza, sia quel che sia.
Omer Goldman, 19 anni, Tel Aviv
La prima condanna alla prigione:  22 Settembre - 10 ottobre. 2008 (18 giorni)
seconda condanna alla prigione: 12 - 24 ottobre. 2008 (10 giorni)

Omer Goldman, ha dovuto confrontarsi con i valori della sua famiglia. E' figlia di un ex  deputato capo del Mossad (Servizi Segreti Israeliani) e che è ancora considerato uno degli uomini piu' potenti nel sistema di sicurezza israeliano. Omer, senza il permesso del padre, ha visitato una citta' palestinese nella West Bank e ad un check-point, con i Palestinesi, suoi supposti nemici, le è stato fatto fuoco da soldati Israeliani .

"Stavamo seduti al lato della strada e stavamo parlando e sono arrivatid dei soldati e dopo alcuni secondi ricevono un ordine e ci sparano contro granate di gas e proiettili di gomma. Quel che mi colpisce è che i soldati eseguono un ordine senza pensare. Per la prima volta in vita mia, un soldato israeliano ha fatto fuoco contro di me".

Sebbene, ovviamente, il padre non sostenga la sua decisione, come figlia la sostiene. "Io e lui abbiamo caratteri molto simili. Anch'io mi batto fino alla fine per qualcosa in cui credo. Ma ideologicamente siamo agli opposti".  

Nella sua dichiarazione di rifiuto, afferma:

Mi rifiuto di arruolarmi nell'esercito israeliano. Non faro' parte di nessun esercito che, senza bisogno, implementa una politica di violenza e viola i diritti umani fondamentali, quotidianamente.

Come molti dei miei coetanei anch'io non ho osato mettere in discussione l'etica dell'esercito israeliano. Ma quando ho visitato i territori occupati,  mi sono resa conto di vedere  una realtà completamente diversa, una realtà violenta, oppressiva, estrema a cui si deve porre fine.

Credo nel servizio alla società. Ne sono parte  e questo è precisamente la ragione per cui mi sono rifiutata di prendere parte in crimini di guerra commessi dal mio paese. La violenza non porterà alcuna soluzione e io non commettero' violenza, sia quel che sia.
 
Se sei un controllato della polizia del controllo mentale  (ovvero  i media delle corporations) crederai a due cose:

1. Israele sta difendeno se stesso dai Palestinesi

2. Tutti gli Israeliani  sostengono la politica del loro governo, fatta di infinite guerre contro i civili palestinesi.

E' alla seconda alla menzogna che la mafia mediatica di Israele fa da guardia piu' da vicino e di cui si augura intensamente, che mai gli Americani si rendano conto.

A differenza della propaganda del partito della guerra in USA, non tutti gli Ebrei e non tutti gli Israeliani sostengono la condotta nazista di Israele  nei territori occupati .

Questo semplice fatto è probabilmente il pezzo di informazione piu' censurato in USA.

Qui ci sono dei giovani diretti alla prigione, perchè non vogliono unirsi al genocidio.
Potete sostenere questi ragazzi coraggiosi qui: FORUM TO WRITE TO ISRAEL
http://december18th.org

trad. Cristina Bassi

Nessun commento: