UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO
Notizie dal mondo, soprattutto da fonti internazionali, che il mainstream non riporta.

Translate

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

martedì 14 gennaio 2014

DALLA DISTRUZIONE DELLA SIRIA SI VUOL COSTRUIRE IL NUOVO ORDINE MONDIALE?

 
 tratto dall'articolo di don Curzio Nitoglia, su:
http://effedieffe.com/index.php?option=com_content&view=article&id=277898:il-mondialismo-ebraico-americano-da-pearl-harbor-a-damasco&catid=83:free&Itemid=100021


La frammentazione del mondo arabo voluta dal Mondialismo
Il mondo arabo attuale è stato messo assieme da Francia e Inghilterra alla fine della prima guerra mondiale, con la caduta dell’impero ottomano nel 1917-18 alleato con la Germania e l’Austria-Ungheria, al solo scopo di controllare le zone ricche di petroli e gas naturali (15).
L’impero ottomano fu diviso allora in 19 Stati, formati da gruppi etnici e confessioni islamiche non omogenee, in modo tale che vivesse in perpetua instabilità e in un possibile conflitto interno e perciò debole ed incapace di sussistere senza l’apporto delle potenze vincitrici del primo conflitto mondiale (Inghilterra, Francia e Usa) (16).


L’Inghilterra il 2 novembre del 1917 aveva promesso all’ebraismo internazionale «un focolare nazionale» (Dichiarazione Balfour) (17), creando così già i primi attriti con il pur variegato mondo arabo (18), che hanno destabilizzato, in gran parte, il vicino e medio oriente ed hanno portato alla situazione attuale.

Nel 1920 la Siria cercò di rendersi indipendente dal protettorato francese, ma la Francia invase Damasco il 25 luglio del 1920 e pose fine al disegno «panarabo» siriano di raccogliere attorno a Damasco alcune delle neo-Nazioni arabe, che prima del 1918 facevano parte del grande impero ottomano (19).

È importante sapere che già nel 1957 i servizi segreti inglesi e americani avevano stilato un documento congiunto intitolato A Collision Course for Intervention, il quale è stato riesumato nel 2003 dal giornalista Ben Fenton (Macmillan Backed Syria Assassination Plot, in «The Guardian», 27 settembre 2003). 

Il documento in questione stabiliva per la Siria il seguente progetto: «occorre dispiegare uno sforzo per eliminare alcuni individui-chiave (20), destabilizzare zone interne in Siria. La ‘Cia’ è pronta, e il ‘Sis’ (oggi ‘MI6’) tenterà di montare sabotaggi minori e degli incidenti all’interno della Siria. Gli scontri alle frontiere forniranno un pretesto all’intervento» (21).
Dopo la fine della seconda guerra mondiale nel vicino oriente frammentato si troveranno fianco a fianco lo Stato d’Israele (1948), gli Stati nazionalisti e autoritari (Siria, Iraq, Libia e Tunisia), la monarchia ultra islamista ma filo-occidentale (Arabia Saudita (22)) e le sue galassie (Giordania, Egitto e Marocco) (23).


 
I Saud e il wahabismo
Per capire quel che succede nel mondo arabo a partire dal 1948 (fondazione dello Stato d’Israele in Palestina) sino ad oggi, è necessario distinguere nell’islam i suoi due rami principali e ufficiali (sunnismo e sciismo) dalle sette scismatiche ed ereticali, che sono specialmente il wahabismo, il salafismo ed hanno come braccio armato al-qa’ida, i ‘Fratelli Musulmani’ e i jaidisti foraggiati dai sauditi.
Queste sette odiano l’islam laico, sociale, nazionalista e pronto a collaborare con le altre confessioni religiose per il bene della Nazione (Iraq, Siria, Libia, Tunisia) e lo combattono per distruggerlo, finanziate da Usa e Israele.
La guerra in Siria non è una guerra civile, come dicono i media, ma un’aggressione dei wahabiti e sauditi con l’appoggio di Usa, Gb e Israele. Perciò il destino della Siria riguarda, nell’immediato, anche quello dei due milioni di cristiani che abitano in essa ed attorno ad essa e, nel futuro, quello del globo intero poiché a partire dalla distruzione della Siria si vuol costruire un «Nuovo Ordine Mondiale» diretto dal giudaismo, dalla massoneria, dal calvinismo americanista e dal liberismo selvaggio dei neocon, che si servono del qaidismo come testa d’ariete. Perciò, la questione che tratto è di capitale importanza non solo per ogni uomo ma per i cristiani, che sarebbero i primi a rimetterci in caso di vittoria dei wahabiti qaidisti.
Infatti dall’Arabia Saudita, nata nel 1932 con il placet dell’Inghilterra, la famiglia regnante al-Sa‘ud di confessione wahabita, ha finito per destabilizzare il già fragile equilibrio interno al mondo arabo (24). Infatti i Sauditi sono i paladini all’interno del mondo arabo dell’islam combattente (25), ma nello stesso tempo all’estero sono legati all’occidente anglo/americano e allo Stato d’Israele. Essi, perciò, lanciano l’islamismo radicale wahabita-salafita (26) contro i regimi nazionalistici arabi (sia sciiti che sunniti (27) non-wahabiti), a tutto favore del sionismo (28) e dell’americanismo, mentre all’interno professano un feroce estremismo farisaico/calvinista (29) di stampo petrolifero/islamista, come vedremo meglio innanzi. Giustamente Paolo Sensini ha scritto: «gli Stati del Golfo e l’Arabia Saudita sono fragili contenitori che racchiudono solo petrolio» (30).

Wahabismo salafita contro nazionalismo arabo
Si badi bene che il wahabismo e il salafismo cercano di nascondersi dietro il sunnismo e si presentano come avversari dello sciismo, ma in realtà non hanno nulla a che vedere neppure con il sunnismo. Infatti il wahabismo è un’eresia e una setta islamica, scissa sia dal ramo sunnita che da quello sciita, fondata da Muhammad ibn ‘Abd al-Wahhab († 1792) e già allora ostile ai sunniti, inoltre Muhammad ibn ‘Abd al-Wahhab, è ritenuto dagli storici dell’islam comunemente un «marrano» (in arabo «ma ‘min» e in turco «donme») ossia un cripto-ebreo (cfr. W. Madsen, The Donme, in «Strategic Culture Foundation», 26 ottobre 2011; M. D. Baer, The Donme: Jewish Converts, Stanford, Stanford University Press, 2010).

Quanto all’ideologia salafita il suo fondatore è Jamal al-Din al-Afghani, che nel 1878 fu ammesso nella loggia massonica del Cairo di rito scozzese e nel 1883 fondò la salafiyyah (cfr. S. Amghar, Le Salafisme d’aujourd’hui. Mouvements sectaires en Occident, Parigi, Michalon, 2011; B. Rougier, Qu’est-ce que le Salafisme?, Parigi, PUF, 2008).

Nel 1924 quando i wahabiti conquistarono la Mecca massacrarono i sunniti che vi abitavano. Ora l’islam si è definitivamente diviso nel 680, quasi subito dopo la morte di Maometto (632), in due rami principali: il sunnismo (che comprende circa l’80% dei musulmani, cioè 680 milioni di persone) e lo sciismo (che ne comprende circa il 16 %, vale a dire 130 milioni), mentre il wahabismo rimonta al 1700 e il salafismo al 1800, cioè circa 900/1000 anni dopo la morte di Maometto e la divisione in due rami dell’islam.
I ‘Fratelli Musulmani’ addirittura risalgono al 1928. I media ci presentano il wahabismo come la vera tradizione islamica, invece esso si presenta e si considera come sunnita, ma in realtà è considerato dagli storici delle religioni una setta scismatica dell’islam, che «si pone agli antipodi della tradizione islamica. Si tratta di un settarismo che, grazie alle enormi disponibilità finanziarie dei Saud, si fa passare per ‘islam sunnita’, ma che non lo è affatto e si attribuisce da sé la qualifica di ‘autentico islam’ in contrasto con ogni altro ramo dell’islamismo» (La storica visita del presidente iraniano al Cairo: Ahmadinejad piange sulle tombe dei pii musulmani, in «European Phoenix», 6 febbraio 2013 (31)).

tratto da :  http://effedieffe.com/index.php?option=com_content&view=article&id=277898:il-mondialismo-ebraico-americano-da-pearl-harbor-a-damasco&catid=83:free&Itemid=100021

Nessun commento: