UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO
Notizie dal mondo, soprattutto da fonti internazionali, che il mainstream non riporta.

Translate

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 20 marzo 2014

PAUL CRAIG ROBERTS: PERCHE' WASHINGTON SI E' OPPOSTA ALLA AUTODETERMINAZIONE DELLA CRIMEA?

Paul Craig Roberts, Institute for Political Economy

Perchè Washington si è opposta all'autoderminazione della Crimea?
La risposta è che uno dei maggiori scopi del colpo di Stato di Washington a Kiev era quello di avere un nuovo governo fantoccio per privare la Russia della sua base navale nel Mar Nero, in Crimea 


Washington non puo' usare il governo  che ha installato in Ukraina a tale scopo,  se la Crimea
non appartiene piu' alla Ukraina.


Quel che Washington ha reso  completamente ovvio è che “l'auto-determinazione” è un'arma usata da Washington su ordine della propria agenda. Se l'auto-determinazione avanza verso l'agenda di Washington, Washington allora è per questa. it, diversa le è contro.

La risoluzione del Servizio di Sicurezza ONU iniziata da Washington, a cui la Russia ha posto il veto, dichiara falsamente  che il referendum in Crimea, un referendum richiesto dalla gente, "puo' non avere validità e non puo' formare le basi per una alterazione dello stato in Crimea; e si appella a Stati, organizzazioni internazionali e agenzie specializzate  perchè non riconoscano  un'alterazione dello sttao della Crimea sulla base di questo referendum ..."


(...) Washington falsamente afferma che il referendum non puo' essere valido  fintanto che non sia tutta la popolazione  del'Ukraina a votare e ad essere d'accordo  con la decisione della Crimea.

Si noti che quanto Washington rubo' il Kosovo alla Serbia, Washington non lascio' votare i Serbi.

Ma lasciamo da parte l'ipocrisia di Washington... ed applichiamo il suo argomento che perchè sia valido un cambiamento nello sttaus della Crimea, è necessario un voto da parte dellla popolazione del Paese da cui si separa. Se questo è il caso,  allora la Crimea non è mai stta parte dell'Ukraina. 

Secondo l'interpretazione di Washington, della legge inetrnazionale, l'Ukraina è ancora parte della Russia. Quando Khrushchev transferì la Crimea (ma non Sevastopol, la base del mare Nero) all'Ukraina, i Russi non hanno votato.

Quindi secondo la logica stessa di Washington, non è valido riconoscee la Crimea come parte della Ukraina. Questo vale anche per altre parti della Russia che Lenin trasferì all' Uraina. 

(...) avete bisogno di altre prove per vedere che la crisi Ukraina è stata fabbricata dal nulla da coloro che a Washington fanno gli schemi , che creano tutta la crisi ad un solo scopo : indebolire militarmente la Russia?

(...) Il governo USA ha esautorato  un governo ukraino eletto democraticamente ed accusa la Russia di  “invadere e annettere la Crimea” per poter depistare  l'attenzione dal fatto che Washington ha defenestrato la democrazia in Ukraina. Non c'è un governo eletto a Kiev.
I tirapiedi che agiscono come un governo a Kiev sono stati messi li da Washington.  


(...) L'argomento di Washington si riduce con l'essere: “Noi la nazione, eccezionale e indispensabile, possiamo comportarci in un certo modo, ma non le altre nazioni" (...) Come ho evidenziato, la propaganda di Washington e le menzogne dei suoi fantocci europei, il New York Times, il Time, e tutti i media occidentali stanno ripetendo il sentiero di guerra che porto' alla Prima Guerra Mondiale. Sta accadendo proprio sotto i nostri occhi.

FONTE: http://www.paulcraigroberts.org/2014/03/16/washington-set-world-path-war-paul-craig-roberts/

Nessun commento: