UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO
Notizie dal mondo, soprattutto da fonti internazionali, che il mainstream non riporta.

Translate

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 16 ottobre 2014

LA MECCA: LUOGO DI SHOPPING E CENTRI COMMERCIALI DI LUSSO. MA NON ERA...LUOGO SACRO?

http://www.archinfo.it/glry/TREND_NL3313new/01.jpg LA TORRE DELL'OROLOGIO ALLA MECCA
 
Il prof Ziauddin Sardar  , pakistano che vive a Londra e intellettuale musulmano, direttore del quadrimestrale "Critical Muslim", lamenta come  i
nnumerevoli edifici antichi , tra cui la moschea Bilal che risale al Profeta, siano stati spianati dai bulldozer.  Per costruire la Clock Tower hanno distrutto 400 siti di significato storico culturale.


 "Il solo altro edificio religioso rimasto è la casa dove visse Maometto. Sotto i Sauditi (wahabiti) è stato dapprima un mercato del bestiame, poi trasformato in una biblioteca non aperta al pubblico. Ma anche cosi è troppo per i clerici sauditi, che chiedono ripetutamente la sua demolizione".  (effedieffe.com)

"I wahabiti hanno annullato la tradizione culturale delle grandi scuole coraniche di Damasco e di Al-Azahr al Cairo, imponendo un Islam secco, semplicficato e standard. In nome della loro forma ultra-pura di Islam, essi perseguitano tutti gli altri Islamici: sciiti e sufi, sunniti tradizionali, semplici cultori della fede di sempre. Le decapitazioni odierne del Califfo dello Stato Islamico, non sono che una replica: nel 1801, "i seguaci di Ibn Wahab assalirono la città santa sciita di Karbala, facendo sgozzare 5000 nemici. Nel 1802 conquistarono Tahif, massacrandone la popolazione. 

Nè nell'800 nè oggi, wahabiti, salafiti,  sauditi e oggi "Il Califfo", hanno mai alzato un dito  contro Israele  (...) (M. Blondet, effedieffe.com).



Paris Hilton alla Mecca

"Sono anni ormai che la gente si lamenta di come il governo saudita stia rovinando La Mecca: grazie al consumismo galoppante, l’antica città è invasa da hotel di lusso, un’orribile torre dell’orologio che incombe sulla Ka’ba e numerosi centri commerciali e bagni pubblici, eretti su siti che un tempo ospitavano luoghi sacri. L’ultima novità è che l’impero della moda di Paris Hilton vi ha aperto un negozio, e i musulmani di tutto il mondo sono disgustati per l’evidente avvelenamento della nostra Città Santa.
Ci sono un sacco di ragioni per disprezzare la custodia saudita della Mecca. Il governo sunnita, sostenuto da squadroni di polizia composti di adolescenti smagriti in divise cachi, opprime qualunque tradizione islamica che esuli dalla sua approvazione, incluso non soltanto lo Sciismo ma anche molte pratiche sunnite. La Città Santa non è un bastione dell’uguaglianza tra i generi, e lo sviluppo costante ha soltanto aggravato le sue disuguaglianze economiche. Per i poveri pellegrini che hanno risparmiato tutta la vita per fare il pellegrinaggio, è impossibile trovare una sistemazione in un luogo qualsiasi nei dintorni della Sacra Moschea".

fonte: http://www.vice.com/it/read/paris-hilton-mecca



Nessun commento: