UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO
Notizie dal mondo, soprattutto da fonti internazionali, che il mainstream non riporta.

Translate

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

venerdì 16 ottobre 2015

Ormai solo chi non vuole vedere, non vede...

 E adesso unite i puntini



Il Pd getta finalmente la maschera. Le balle non puoi tenerle dentro per sempre: prima o poi ti scappano. “Dati dicono immigrati si stanno integrando e sostituendo ad autoctoni nella filiera produttiva“, lancia in un tweet. Ma forse, più che “Pd”, dovremmo dire il “Pude“: il Partito Unico dell’Euro. Non dimentichiamo infatti che era Franco Frattini, nel 2007, che da vice-presidente della Commissione Europea raccontava alla London School of Economics i piani UE per sostituire gli “autoctoni” (come chiamano voi italiani i DeputatiPd nel loro delirio) con gli immigrati, secondo il tema in voga fin dal 2001, anno in cui l’Onu pubblicò un celebre studio sulla necessità di provvedere ad una immigrazione sostitutiva nel vecchio continente.
 
Da lì agli sbarchi sui gommoni che tutti fanno finta di non riuscire a contrastare, a costo di migliaia di vite umane; da lì all’apertura delle frontiere della Merkel per rivitalizzare l’industria automobilistica in crisi dopo il calo della domanda cinese; da lì al momentaneo varco nel filo spinato ungherese, per permettere alla Repubblica Ceca di mettere al lavoro 5000 siriani nella piccola media impresa, sottolineando che sono ottimi lavoratori perché a differenza nostra loro tengono al loro posto di lavoro  (leggi: abbassamento dei diritti), il passo è breve. Lo Ius Soli si inserisce evidentemente in questo solco.
Ormai solo chi non vuole vedere, non vede. C’era un tempo in cui l’Europa era forte e dominava il mondo. Poi si è suicidata con la secondo guerra mondiale. Da quel momento in poi gli Stati Uniti d’America hanno preso il sopravvento e hanno tirato tutti i fili che c’erano da tirare. A iniziare dalla moneta unica (qui George Friedman stesso lo ammette), per finire con la costruzione degli Stati Uniti d’Europa, passando per la dominazione politica di paesi come l’Italia (i cui capi di Stato hanno sempre avuto l’obbligo di firma a Washington, dal primo dopo guerra fino a Giorgio Napolitano. Craxi alzò la testa a Sigonella e disse che l’Europa sarebbe stata un inferno, e guardate che fine ha fatto) e per la colonizzazione commerciale definitiva (pensate al TTIP).

Lo scopo? Semplice: avere un’Europa debole e sottomessa, nel tentativo di non perdere il loro predominio culturale (Hollywood, gli hamburger, la musica, lo spazio, il settore militare, la tecnologia). Il che passa obbligatoriamente per la destabilizzazione cronica delle aree strategiche, dal medio-oriente ai paesi dell’est, alla stessa Europa investendola di ondate migratorie che non è in grado di affrontare (sempre Friedman: ”La destabilizzazione è il vero scopo delle nostre azioni estere, non instaurare una democrazia. Una volta destabilizzato un paese, dobbiamo dire ‘missione compiuta’ e tornarcene a casa”).

I responsabili sono i servi di Washington che hanno fatto il lavoro sporco per loro, dai vari Kalergi fino alle sinistre rincoglionite che hanno creduto e credono ancora di essere tanto buoni (tipo Prodi che credeva al buon cuore di Kohl), per terminare certamente con gli euroburocrati collusi con i club paramassonici alla Bilderberg che hanno preso in mano i centri di potere e lavorano in nome e per conto delle 147 banche che posseggono e controllano tutto

E in loro nome (cfr: Monti “Le imprese americane, soprattutto le grandi, sono state sempre tra i fattori di spinta dell’integrazione europea, per il loro vantaggio materiale“) distruggono la domanda interna dei singoli stati, firmano trattati fregandosene della volontà popolare (Cecilia Malmström: “Il mio mandato non arriva dai cittadini europei“) e sono ormai pronti a sostituire la democrazia con un nuovo modello di governo dove loro sono i cani pastori e noi il gregge, da trattarsi con umana misericordia ma senza consentire nessuna fuga in avanti (Draghi: “l’euro è irreversibile“; Monti: “Le pecore non possono saperne più del loro pastore“).

Questi sono i tempi in cui viviamo. Non c’è altro. Tutto il resto è rumore, distrazione, panem et circenses: è lo schiocco del bastone sul selciato per mettervi paura e non farvi alzare la testa.

fonte:  http://www.byoblu.com/post/minipost/leggete-questo-poi-tornate-a-giocare-con-le-biglie

Nessun commento: