UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO
Notizie dal mondo, soprattutto da fonti internazionali, che il mainstream non riporta.

Translate

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

sabato 6 agosto 2016

RENZI MINACCIA I GIORNALISTI VIA SMS. CARI COLLEGHI, PERCHÉ NON LI PUBBLICATE?



Che Renzi avesse tendenze autoritarie era noto, perlomeno a chi, sin dall'inizio, non si è lasciato accecare dal suo eloquio scoppiettante ma quel che sta succedendo in Rai supera ogni limite. Il premier si è appropriato dalla tv pubblica, che vuole trasformare nel megafono del proprio regime.

E non c'è solo la Rai nel mirino. Renzi è talmente sfacciato da minacciare con telefonate e sms i giornalisti che osano criticarlo. Ne parla Carlo Freccero in questa intervista ad Anna Maria Greco. Leggete questi passaggi:
Molti pensano che il problema per Renzi sia proprio l'informazione in vista del referendum costituzionale d'autunno. E così spiegano le nuove nomine.

«Sì lo credo anch'io. Io ho vissuto l'epoca dell'editto bulgaro di Berlusconi, ma lui aveva contro avversari duri come Santoro, Luttazzi... Aveva qualche motivo. Adesso, invece, basta pensarla appena diversamente dal capo perché ti facciano fuori».

Per questo l'informazione Rai dev'essere controllata?
«Questi non vogliono che nemmeno si appaia in video se non si è d'accordo con loro. Michele Anzaldi si arrabbia se solo interviene uno dell'opposizione, se non si dà risalto al premier che inaugura la falsa Salerno-Reggio Calabria. Ho visto gli sms di Renzi, c'è da vergognarsi. Ma c'è chi non ce la fa più di fronte alle imposizioni in Rai di Anzaldi, che fanno perdere voti al Pd».

La Berlinguer dava molto fastidio?
«Pensa un po'... Dava solo spazio a tutti, ma il fatto di dare la parola anche agli oppositori di Renzi evidentemente appariva intollerabile».

Ecco: gli sms di cui vergognarsi. Cari colleghi, perché non li tirate fuori? Il segreto di Pulcinella, nella nostra professione, è che le pressioni dello spin doctor di Palazzo Chigi Filippo Sensi e le minacce violentissime e intimdatorie del premier sono ricorrenti. Come si comporta Sensi, l'ho spiegato nell'intervento che trovate qui sotto, in cui cito un ottimo articolo de Il Fatto quotidiano

Ogni tanto qualcuno trova il coraggio di parlarne. Ad esempio Alessandro Sallusti ha rivelato che

“Con Renzi avevo un ottimo rapporto, quasi confidenziale. Poi abbiamo scritto una cosa che non gli piaceva, mi ha chiamato, mi ha riempito di insulti e mi ha detto che mi sarebbe venuto sotto casa a spaccarmi le gambe.
Nicola Porro ha ricevuto un messaggino: "Non star tranquillo, Nicola". E poco dopo Virus è stato cancellato.

Ma si tratta di rivelazioni occasionali. Di solito i giornalisti incassano e tacciono. Si sfogano con i colleghi ma lasciano all'oscuro i propri lettori, per ragioni facilmente comprensibili. L'ottimo Freccero quegli Sms li ha visti. Ed è inorridito.
Cari giornalisti, tacere non è più possibile, in democrazia. Abbiate coraggio e pubblicateli, quegli sms. Non ci vuole molto: basta uno screenshot.
Le avete o no, le palle?

Temo di conoscere la risposta.

https://www.youtube.com/watch?v=auyZANfVSHo

by Marcello Foa
fonte: https://www.facebook.com/MarcelloFoa/?fref=nf

Nessun commento: