UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO

UN BLOG PER TENERTI SVEGLIO
Notizie dal mondo, soprattutto da fonti internazionali, che il mainstream non riporta.

Translate

Cerca nel blog

domenica 1 gennaio 2017

Zero Hedge: l'Italia fa pressione sulla Europa per iniziare a censurare la libertà di parola

 Stanno dando la caccia a internet. Non fate in modo che ce la facciano www.davidicke.com
 
Traduzione e sintesi da Zerohedge:
 
Prima sono stati gli USA, poi a Germania che hanno molto dato la colpa alle "fake news" (notizie false) per  quel che nella società non andava bene. Ora è il turno dell'Italia ... che chiama alla fine delle "fake news" , cosa che in sè non sarebbe il problema se non fosse per il modo in cui   Giovanni Pitruzzella, Autorità garante della concorrenza e del mercato, richiede all'Unione Europea di "dare un giro di vite", su cio' che doppierebbe le "fake news"...ovvero niente meno che una proposta di dare un giro di vite alla libertà di parola per dare ai governi locali libera autorità di chiudere la bocca ad ogni organo di stampa  che non fosse compiacente con la propaganda dell'establisahment.
 
In una intervista al  FT (Financial Times), Pitruzzella ha detto che la regolamentazione di false informazioni  su internet era meglio fosse fatta dalllo stato e non dai social media come Facebook... un approccio precedentemente preso dalla Germania, che ha richiesto che FB ponesse fine a "discorsi di odio"  ed ha minacciato di multare  il social network  con 500000 euro per ogni "fake post".

Pitruzzella, Autorità garante della concorrenza e del mercato dal 2011, ha detto:
"I Paesi della EU dovrebbero istituire enti indipendenti - coordinati da Bruxelles e modellati sul sistema delle agenzie antitrust - che etichetterebbero facilmente le fake news, le eliminerebbero dalla circolazione ed imporrebbero multe, se necessario"
 
In altre parole... una serie di burocrati non eletti, si dovrebbe mettere intorno ad un tavolo tra di loro decidere cio' che è o meno "fake news" e quindi, a rullo di tamburo, "rimuoverle dalla circolazione" 
 D'altro canto, cio' giunde dopo una settimana  da quando Obama ha dato all'Europa semaforo verde per impegnarsi in qualsiasi forma di censura e blocco di qualsiasi libertà di parola che desiderasse
Questo quando il Presidente USA uscente ha votato  la legge "Countering Disinformation And Propaganda Act",  quindi nessuna sorpresa che improvvisamente una Europa incoraggiata se ne esca con simili misure che fanno rabbrvidire. Quindi con l'Europa sull'orlo di far passare una censura sfrenata, ecco la testa di legno usata per giustificarla:


“La verità-dei post nella politica è uno degli elementi che scatenano il populismo  ed è una delle minacce delle nostre democrazie,” ha detto Pitruzzella a FT. “Siamo ad un bivio: decidere se lasciare internet come è, il selvaggio west, o se c'è bisogno di regole che tengano conto del modo in cui è cambiata la comunicazione. Credo abbiamo bisogno di definire quelle regole e questo è il ruolo del settore pubblico".

Traduzione: presto sarà nelle mani di Bruxelels decidere quale contenuto su internet sia appropriato  per il largo consumo in Europa, perchè a meno che un burocrate non intervenga le "fake news" porteranno ad un maggiore populismo e non, diciamo, ad anni di riforme politiche fallimentari e a decisioni della banca centrale.
Per farla breve : è tutta colpa di internet se il sistema politico della eredità Europa, sta vacillando a causa di un contraccolpo anti-establishment senza precedenti, che non ha nulla a che fare beh... con tutto il resto.  

Come fa notare il FT, la richiesta di Pitruzzella giunge nel mezzo di una preoccupazione crescente sull'impatto che le fake news hanno sulla politica  nelle democrazie occidentali,  incluedendo in questo il Brexit e le elezioni USA. In Germania che deve affrontare le elezioni politiche nel 2017, il governo sta pianificando una legge che imporrebbe fino a 500000 euro di multa sulle aziende del social media, sedistibuiscono fake news.

Alleati di Matteo Renzi, l'ex Primo Ministro, si sono anche lamentati  per il fatto che le fake news hanno contribuito alla sua sconfitta nel referendum sulla riforma costituzionale, nel dicembre scorso, 
che ha portato alle sue dimissioni, avendo perso con un ampio margine del 20%  

Meno male che...per ora... non hanno dato la colpa a degli hacker russi...

Dunque pur ipotizzando che limitare la libertà di parola sia la risposta, perchè non obbligare le aziende a fare azioen di polizia sui potenziali fautori del crimine?
Secondo Pitruzzella sarebbe inappropriato lasciare questo compito ad un'autoregolazione dei social media. 

“Piattaforme come Facebook hanno creato grandi vantaggi per le persone e i clienti : fanno la loro parte come entità economica nel momento in cui adottano politiche per modificare i loro algoritmi per ridurre questo fenomeno - ha detto- ma non è affare di una entità privata  controllare la informazione. Questo è storicamente compito di poteri pubblici. Devono gfarantire che l'informazione sia corretta. Non possiamo delegare questo completamente". 

(...) Pitruzzella ha congedato ogni preoccupazione sul fatto che istituire delle agezie di stato per monitorare le fake news, introdurrebbe una forma di censura, e ha detto che le persone "potrebbero continuare ad usare un internet libero ed aperto”... fintanto che tutti i membri dell'"internet aperto" siano concordi  con cio' che le agenzie determinano essere o meno vero e indiscutibile.

>>> TUTTI IL RESTO DELL'ARTICOLO ORIGINALE: QUI:
 


Nessun commento: